ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SAN TOMMASO DA CANTERBURY A CORENNO PLINIO

CHIESA DI SAN TOMMASO DA CANTERBURY A CORENNO PLINIO

DERVIO, LECCO

567°

POSTO

28

VOTI
Condividi
CHIESA DI SAN TOMMASO DA CANTERBURY A CORENNO PLINIO
La chiesa di San Tommaso di Canterbury, realizzata tra XII e XIII secolo, fa parte di un complesso più ampio: sorge, infatti, addossata alla cinta muraria di un castello costruito, tra il 1363 e il 1370, come baluardo difensivo dagli Andreani, feudatari dei Visconti. In questa località, che controllava il lago e la strada per la Valtellina, sono stati rinvenuti monete e ruderi che attestano l'esistenza di un precedente insediamento romano. La facciata a capanna, di veste barocca, presenta un portale modanato del XVII secolo. All'interno le navate sono sormontate da volte a vela. Nel 1966 sono stati riscoperti alcuni affreschi, databili tra il XIV e il XVI secolo, che rivelano un curioso apparato iconografico. Tra i dipinti più antichi, databili intorno alla prima metà del XIV secolo, emerge la rappresentazione di un Vescovo, incorniciato da fregi bicromi a spina di pesce, sul cui bastone poggia uno stendardo. Al suo fianco compaiono una serie di Apostoli tra i quali è identificabile, grazie al coltello nella mano destra, San Bartolomeo. L'affresco della parete settentrionale risale alla seconda metà del XIV secolo e rappresenta un'Adorazione dei Magi o un' Epifania, per la presenza di una stella a cinque punte: la Madonna siede su un ampio trono e regge tra le braccia il Bambino benedicente, mentre i due Magi tendono i loro doni. A sinistra si trova un affresco, purtroppo molto rovinato, di un San Cristoforo riccamente vestito che sorregge nella mano destra un ramo di palma e nella sinistra un cartiglio srotolato. Nella parte inferiore, fortemente frammentaria, è riconoscibile una Madonna del Latte del XV secolo. Sulla parete meridionale emerge l'affresco, di stampo giottesco, che raffigura il supplizio di Santa Appollonia alla quale vengono cavati i denti con una tenaglia; al suo fianco compare San Gottardo. Entrambi i Santi sono perfettamente identificati dalle iscrizioni.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

567° Posto

28 Voti
Censimento 2020

3,065° Posto

50 Voti
Censimento 2018

1,814° Posto

47 Voti
Censimento 2016

16,860° Posto

3 Voti
Censimento 2014

10,916° Posto

1 Voti
Censimento 2012

5,260° Posto

3 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

593°
2 voti

Area naturale

ALPEGGIO DI VIGNAGO

DERVIO, LECCO

593°
2 voti

Area archeologica

AVELLO DI DERVIO

DERVIO, LECCO

581°
14 voti

Edificio civile

CASTELLO DI CORENNO

DERVIO, LECCO

592°
3 voti

Edificio civile

FORTIFICAZIONE CASTELVEDRO

DERVIO, LECCO

Scopri altri luoghi simili

51,443 voti

Chiesa

CHIESETTA DI SAN PIETRO DEI SAMARI NEL PARCO DI GALLIPOLI

GALLIPOLI, LECCE

31,028 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIACOMO DELLA VITTORIA

ALESSANDRIA

22,890 voti

Chiesa

BASILICA DEI FIESCHI

COGORNO, GENOVA

22,574 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DI CASTELLO

ALESSANDRIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI SAN TOMMASO DA CANTERBURY A CORENNO PLINIO

DERVIO, LECCO

Condividi
CHIESA DI SAN TOMMASO DA CANTERBURY A CORENNO PLINIO
La chiesa di San Tommaso di Canterbury, realizzata tra XII e XIII secolo, fa parte di un complesso più ampio: sorge, infatti, addossata alla cinta muraria di un castello costruito, tra il 1363 e il 1370, come baluardo difensivo dagli Andreani, feudatari dei Visconti. In questa località, che controllava il lago e la strada per la Valtellina, sono stati rinvenuti monete e ruderi che attestano l'esistenza di un precedente insediamento romano. La facciata a capanna, di veste barocca, presenta un portale modanato del XVII secolo. All'interno le navate sono sormontate da volte a vela. Nel 1966 sono stati riscoperti alcuni affreschi, databili tra il XIV e il XVI secolo, che rivelano un curioso apparato iconografico. Tra i dipinti più antichi, databili intorno alla prima metà del XIV secolo, emerge la rappresentazione di un Vescovo, incorniciato da fregi bicromi a spina di pesce, sul cui bastone poggia uno stendardo. Al suo fianco compaiono una serie di Apostoli tra i quali è identificabile, grazie al coltello nella mano destra, San Bartolomeo. L'affresco della parete settentrionale risale alla seconda metà del XIV secolo e rappresenta un'Adorazione dei Magi o un' Epifania, per la presenza di una stella a cinque punte: la Madonna siede su un ampio trono e regge tra le braccia il Bambino benedicente, mentre i due Magi tendono i loro doni. A sinistra si trova un affresco, purtroppo molto rovinato, di un San Cristoforo riccamente vestito che sorregge nella mano destra un ramo di palma e nella sinistra un cartiglio srotolato. Nella parte inferiore, fortemente frammentaria, è riconoscibile una Madonna del Latte del XV secolo. Sulla parete meridionale emerge l'affresco, di stampo giottesco, che raffigura il supplizio di Santa Appollonia alla quale vengono cavati i denti con una tenaglia; al suo fianco compare San Gottardo. Entrambi i Santi sono perfettamente identificati dalle iscrizioni.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te