ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CAPPELLA DEI TRE RE

CAPPELLA DEI TRE RE

IVREA, TORINO

18,180°

POSTO

4

VOTI 2022
Condividi
CAPPELLA DEI TRE RE
La cappella sorge in cima alla collina dioritica del santuario di Monte Stella, dal qual è raggiungibile tramite un breve sentiero ciottolato. Essa è meta del pellegrinaggio che si svolge nel giorno dell'Epifania e che, per antica deliberazione pontificia, vale ai fedeli una indulgenza plenaria. L'antico rito della processione e della offerta dei ceri alla cappella, è stato, in tempi recenti, incorporato nelle celebrazioni dello storico carnevale di Ivrea, che ogni anno ha il suo avvio proprio nella giornata dell'Epifania. La cappella fu edificata attorno al 1220 (la tradizione vuole che sia stato san Francesco a suggerirne la costruzione per ottenere la protezione dalla grandine); la sua architettura romanica è estremamente sobria e si caratterizza soprattutto per la presenza di un'abside semicilindrica. Anche l'interno della cappella è alquanto spoglio. Il suo maggior pregio artistico è dato da un affresco databile verso la fine del XV secolo (ca 1480) raffigurante una Adorazione del Bambino con ai due lati le figure di san Rocco e di san Sebastiano (omaggio probabile allo scampato pericolo della peste scoppiata in quegli anni); affresco che, per molti elementi stilistici, richiama la lezione artistica di Martino Spanzotti. Il restauro ultimato nel 2004 ha consentito di restituire al pregevole affresco i suoi colori originali e di mettere in evidenza la cura con la quale furono dipinti i volti di Maria e di Giuseppe. Lo si ritiene opera di un valente pittore, attivo tra Canavese e Valle d'Aosta, che si ispira con evidenza allo Spanzotti (e in particolarmente alla Adorazione del Bambino e Santi Vescovi di Rivarolo Canavese) e che, per alcuni versi, pare non immemore della lezione di Antoine de Lonhy.

Gallery

Scheda completa al 95%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

28,627° Posto

3 Voti
Censimento 2018

22,655° Posto

3 Voti
Censimento 2016

11,565° Posto

5 Voti
Censimento 2014

6,122° Posto

3 Voti
Censimento 2003

81° Posto

19 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

9,433°
10 voti

Fiume, torrente, lago

ACQUEDOTTO ROMANO NELLE VICINANZE DEL LAGO SIRIO

IVREA, TORINO

15,714°
5 voti

Area naturale

AREA CANALEVANA VICINO A LAGO DI VIVERONE

IVREA, TORINO

36,333°
1 voto

Chiesa

CATTEDRALE DI SANTA MARIA ASSUNTA

IVREA, TORINO

Vota altri luoghi simili

38°
3,159 voti

Cappella

CAPPELLA DI SAN ROCCO (DI GIROLAMO ROMANINO)

VILLONGO, BERGAMO

45°
2,787 voti

Cappella

CHIESA DELLA FONDAZIONE GREGORIO ANTONELLI

TERRACINA, LATINA

241°
333 voti

Cappella

CHIESETTA DI SANT'ANTONIO - SERRAI DI SOTTOGUDA

SOTTOGUDA-PALUE, BELLUNO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CAPPELLA DEI TRE RE

IVREA, TORINO

Condividi
CAPPELLA DEI TRE RE
La cappella sorge in cima alla collina dioritica del santuario di Monte Stella, dal qual è raggiungibile tramite un breve sentiero ciottolato. Essa è meta del pellegrinaggio che si svolge nel giorno dell'Epifania e che, per antica deliberazione pontificia, vale ai fedeli una indulgenza plenaria. L'antico rito della processione e della offerta dei ceri alla cappella, è stato, in tempi recenti, incorporato nelle celebrazioni dello storico carnevale di Ivrea, che ogni anno ha il suo avvio proprio nella giornata dell'Epifania. La cappella fu edificata attorno al 1220 (la tradizione vuole che sia stato san Francesco a suggerirne la costruzione per ottenere la protezione dalla grandine); la sua architettura romanica è estremamente sobria e si caratterizza soprattutto per la presenza di un'abside semicilindrica. Anche l'interno della cappella è alquanto spoglio. Il suo maggior pregio artistico è dato da un affresco databile verso la fine del XV secolo (ca 1480) raffigurante una Adorazione del Bambino con ai due lati le figure di san Rocco e di san Sebastiano (omaggio probabile allo scampato pericolo della peste scoppiata in quegli anni); affresco che, per molti elementi stilistici, richiama la lezione artistica di Martino Spanzotti. Il restauro ultimato nel 2004 ha consentito di restituire al pregevole affresco i suoi colori originali e di mettere in evidenza la cura con la quale furono dipinti i volti di Maria e di Giuseppe. Lo si ritiene opera di un valente pittore, attivo tra Canavese e Valle d'Aosta, che si ispira con evidenza allo Spanzotti (e in particolarmente alla Adorazione del Bambino e Santi Vescovi di Rivarolo Canavese) e che, per alcuni versi, pare non immemore della lezione di Antoine de Lonhy.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te