ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VILLA OTTELIO SAVORGNAN

VILLA OTTELIO SAVORGNAN

ARIIS, UDINE

111°

POSTO

970

VOTI 2022
VILLA OTTELIO SAVORGNAN
Villa Ottelio Savorgnan si trova nell’antico borgo di Ariis, nel comune di Rivignano Teor in provincia di Udine. Affacciata su un’ansa del fiume Stella, il piu` importante corso d’acqua di risorgiva della regione, la Villa e` immersa nel “Parco Comunale dello Stella” e nel “Sito di Interesse Comunitario Risorgive dello Stella”, che ospita interessanti esemplari di flora e fauna. La ragion d’essere della Villa si trova nel fiume, infatti, per la sua difesa militare e commerciale venne eretta, nella seconda meta` del Duecento, una fortificazione sulle cui basi, fu costruita la Villa. Originariamente la proprieta` apparteneva ai Wrusberg e, dopo alterne vicende passo` in gestione ad una delle famiglie nobiliari friulane piu` importanti, i Savorgnan. I Savorgnan detenevano, per conto della Serenissima, il monopolio del sale, del tabacco e di altre merci che distribuivano nei loro feudi e nell’intera regione: di conseguenza in adiacenza alla Villa, sorsero nuovi edifici adibiti a magazzini del sale e di stoccaggio delle merci e a dimora della servitu`. Nel corso del XIX secolo, furono aggiunti ulteriori corpi di fabbrica al complesso, che nel 1885, passo` nelle mani degli Ottelio. Oggi il compendio si presenta come un palinsesto ricco di stratificazione storica, fondamentalmente diviso in due parti: la prima, padronale, e` strutturata in tre piani, con una bella facciata rivolta verso il fiume Stella su cui si osservano le tracce dello stemma degli Ottelio, con giardino degradante fino alle acque, la seconda, costituita dai magazzini e dagli alloggi della servitu`. Per quanto riguarda quest’ultima parte, lo stato degli immobili e` rimasto in buona parte inalterato nel tempo, possiede quindi un importante valore storico, architettonico e documentario. Il parco di Villa Ottelio Savorgnan ha una superficie di circa 11 ettari e si estende dalla villa verso il fiume. È ipotizzabile che l’impianto informale e asimmetrico dell’ampio parco all’inglese, caratterizzato da aree prative intervallate da boschetti, sia stato attuato dagli Ottelio all’epoca del loro arrivo. Alla particolare vegetazione autoctona di golena adiacente il fiume, furono affiancate piante esotiche e oggi le specie botaniche che abitano il parco sono tra le più varie: abete rosso, alloro, bosso, cedro dell’Himalaya, cipresso, farnia, leccio, pino domestico, pino silvestre, tasso. Di inestimabile valore è l’immensa magnolia secolare, una tra le più grandi d’Europa, situata nel cortile centrale, tra la villa e i magazzini del sale. Verso la fine del ‘400 Maria Savorgnan, nobildonna friulana del casato dei Savorgnan Del Monte, acquisto` il feudo di Ariis. Qui ha abitato con sua figlia Lucina che, nel 1511, ad un ballo in maschera al palazzo Savorgnan di Udine, conobbe il cugino Luigi Da Porto, capitano dell’esercito veneziano di stanza in Friuli, appartenente al ramo rivale della famiglia: i Del Torre. I due giovani iniziarono a frequentarsi, contrariamente al volere delle rispettive famiglie, anche nella villa sulle rive del Fiume Stella. Sfortunatamente poco tempo dopo Luigi fu ferito in battaglia e rimase paralizzato. Portato nella sua citta` natale, Montorso Vicentino, non riusci` piu` a vedere Lucina. Qualche mese piu` tardi venne a conoscenza del matrimonio tra la sua amata e un altro cugino, organizzato per riappacificare i due rami del casato. Addolorato e definitivamente rassegnato, Luigi scrisse cosi` una novella, dedicata a Lucina, intitolata “Giulietta”, ambientata a Verona ma con cenni autobiografici. Dalla novella di Da Porto Shakespeare trasse inpirazione per il famoso dramma “Romeo e Giulietta”, esso infatti ricalca, nella struttura e nei temi, l’opera daportiana: la folgorazione amorosa a una festa mascherata, l’odio tra famiglie rivali e l’insensata morte tragica dei giovani amanti.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

79° Posto

4,905 Voti
Censimento 2018

175° Posto

2,828 Voti
Censimento 2016

11,565° Posto

5 Voti
Censimento 2014

2,578° Posto

11 Voti
Censimento 2010

4,351° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

13,629°
5 voti

Villa

VILLA MAZZAROLA ZANELLO

RIVIGNANO TEOR, UDINE

34,089°
1 voto

Area naturale

AREA NATURALISTICA AGRICOLA

RIVIGNANO, UDINE

Vota altri luoghi simili

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VILLA OTTELIO SAVORGNAN

ARIIS, UDINE

VILLA OTTELIO SAVORGNAN
Villa Ottelio Savorgnan si trova nell’antico borgo di Ariis, nel comune di Rivignano Teor in provincia di Udine. Affacciata su un’ansa del fiume Stella, il piu` importante corso d’acqua di risorgiva della regione, la Villa e` immersa nel “Parco Comunale dello Stella” e nel “Sito di Interesse Comunitario Risorgive dello Stella”, che ospita interessanti esemplari di flora e fauna. La ragion d’essere della Villa si trova nel fiume, infatti, per la sua difesa militare e commerciale venne eretta, nella seconda meta` del Duecento, una fortificazione sulle cui basi, fu costruita la Villa. Originariamente la proprieta` apparteneva ai Wrusberg e, dopo alterne vicende passo` in gestione ad una delle famiglie nobiliari friulane piu` importanti, i Savorgnan. I Savorgnan detenevano, per conto della Serenissima, il monopolio del sale, del tabacco e di altre merci che distribuivano nei loro feudi e nell’intera regione: di conseguenza in adiacenza alla Villa, sorsero nuovi edifici adibiti a magazzini del sale e di stoccaggio delle merci e a dimora della servitu`. Nel corso del XIX secolo, furono aggiunti ulteriori corpi di fabbrica al complesso, che nel 1885, passo` nelle mani degli Ottelio. Oggi il compendio si presenta come un palinsesto ricco di stratificazione storica, fondamentalmente diviso in due parti: la prima, padronale, e` strutturata in tre piani, con una bella facciata rivolta verso il fiume Stella su cui si osservano le tracce dello stemma degli Ottelio, con giardino degradante fino alle acque, la seconda, costituita dai magazzini e dagli alloggi della servitu`. Per quanto riguarda quest’ultima parte, lo stato degli immobili e` rimasto in buona parte inalterato nel tempo, possiede quindi un importante valore storico, architettonico e documentario. Il parco di Villa Ottelio Savorgnan ha una superficie di circa 11 ettari e si estende dalla villa verso il fiume. È ipotizzabile che l’impianto informale e asimmetrico dell’ampio parco all’inglese, caratterizzato da aree prative intervallate da boschetti, sia stato attuato dagli Ottelio all’epoca del loro arrivo. Alla particolare vegetazione autoctona di golena adiacente il fiume, furono affiancate piante esotiche e oggi le specie botaniche che abitano il parco sono tra le più varie: abete rosso, alloro, bosso, cedro dell’Himalaya, cipresso, farnia, leccio, pino domestico, pino silvestre, tasso. Di inestimabile valore è l’immensa magnolia secolare, una tra le più grandi d’Europa, situata nel cortile centrale, tra la villa e i magazzini del sale. Verso la fine del ‘400 Maria Savorgnan, nobildonna friulana del casato dei Savorgnan Del Monte, acquisto` il feudo di Ariis. Qui ha abitato con sua figlia Lucina che, nel 1511, ad un ballo in maschera al palazzo Savorgnan di Udine, conobbe il cugino Luigi Da Porto, capitano dell’esercito veneziano di stanza in Friuli, appartenente al ramo rivale della famiglia: i Del Torre. I due giovani iniziarono a frequentarsi, contrariamente al volere delle rispettive famiglie, anche nella villa sulle rive del Fiume Stella. Sfortunatamente poco tempo dopo Luigi fu ferito in battaglia e rimase paralizzato. Portato nella sua citta` natale, Montorso Vicentino, non riusci` piu` a vedere Lucina. Qualche mese piu` tardi venne a conoscenza del matrimonio tra la sua amata e un altro cugino, organizzato per riappacificare i due rami del casato. Addolorato e definitivamente rassegnato, Luigi scrisse cosi` una novella, dedicata a Lucina, intitolata “Giulietta”, ambientata a Verona ma con cenni autobiografici. Dalla novella di Da Porto Shakespeare trasse inpirazione per il famoso dramma “Romeo e Giulietta”, esso infatti ricalca, nella struttura e nei temi, l’opera daportiana: la folgorazione amorosa a una festa mascherata, l’odio tra famiglie rivali e l’insensata morte tragica dei giovani amanti.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2020, 2021
Giornata FAI d'Autunno
2020
I Luoghi del Cuore
2010, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te