ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VALLE DEI MULINI

VALLE DEI MULINI

GRAGNANO, NAPOLI

234°

POSTO

348

VOTI 2022
Condividi
VALLE DEI MULINI
La Valle dei Mulini di Gragnano è un tratto dell’antica mulattiera che dal porto di Castellammare portava ad Amalfi. Per comprendere al meglio il funzionamento del sistema idrico della Valle dei Mulini, bisogna tenere presente che il tutto fu possibile grazie ad una serie di sorgenti che davano origine al torrente Vernotico e a una pendenza ottimale del territorio su cui fu possibile con accorgimenti tecnici costruire una serie di mulini azionati dalla forza dell’acqua in caduta da enormi serbatoi che erano parte integrante e funzionale dei mulini stessi. Il principio di funzionamento in serie dei mulini, era valido perché l'acqua in uscita alla base di un Mulino, come nuova posizione, poteva sfruttare la pendenza del canale per raggiungere la sommità di un successivo Mulino e così di seguito per tutti gli altri posti più a valle ma sempre costruiti ad una quota minore rispetto al precedente che tenesse conto della pendenza dell’1% del canale in arrivo e della necessita di avere un serbatoio di almeno 7 metri per garantire la pressione necessaria a far girare la macina. La posizione dove costruire il Mulino era determinata dalla sua altezza, a cui veniva aggiunto il dislivello dal Mulino precedente che permettesse la realizzazione del un canale di arrivo con leggera pendenza. Ma anche fare in modo che il canale in uscita potesse alimentare quello più a valle nelle stesse condizioni. Fu quindi la pendenza naturale del territorio l'elemento cardine su cui poggiava l'intero sistema idrico della Valle dei Mulini. La forza di gravità faceva scorrere l'acqua da un mulino all'altro dopo che aveva dato moto alla macina.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

200° Posto

2,275 Voti
Censimento 2018

178° Posto

2,817 Voti
Censimento 2016

678° Posto

90 Voti
Censimento 2014

725° Posto

55 Voti
Censimento 2012

596° Posto

22 Voti
Censimento 2010

4,351° Posto

1 Voti
Censimento 2006

2,722° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

4,272°
17 voti

Chiesa

CHIESA DEL CORPUS DOMINI

GRAGNANO, NAPOLI

25,898°
2 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN SEBASTIANO

MOIANO, BENEVENTO

34,826°
1 voto

Chiesa

CHIESA SAN MICHELE ARCANGELO

PIAZZA-TRALIA-PENDOLO, NAPOLI

Vota altri luoghi simili

14°
5,972 voti

Area naturale

IL NOSTRO CARSO-NAŠ KRAS

CARSO-KRAS, PROV. TRIESTE-, GORIZIA

15°
5,775 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

17°
5,010 voti

Area naturale

ANTICA SALINA CAMILLONE

CERVIA, RAVENNA

41°
2,900 voti

Area naturale

BASALTI COLONNARI DEL PARCO SAN MARCO

GAMBELLARA, VICENZA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VALLE DEI MULINI

GRAGNANO, NAPOLI

Condividi
VALLE DEI MULINI
La Valle dei Mulini di Gragnano è un tratto dell’antica mulattiera che dal porto di Castellammare portava ad Amalfi. Per comprendere al meglio il funzionamento del sistema idrico della Valle dei Mulini, bisogna tenere presente che il tutto fu possibile grazie ad una serie di sorgenti che davano origine al torrente Vernotico e a una pendenza ottimale del territorio su cui fu possibile con accorgimenti tecnici costruire una serie di mulini azionati dalla forza dell’acqua in caduta da enormi serbatoi che erano parte integrante e funzionale dei mulini stessi. Il principio di funzionamento in serie dei mulini, era valido perché l'acqua in uscita alla base di un Mulino, come nuova posizione, poteva sfruttare la pendenza del canale per raggiungere la sommità di un successivo Mulino e così di seguito per tutti gli altri posti più a valle ma sempre costruiti ad una quota minore rispetto al precedente che tenesse conto della pendenza dell’1% del canale in arrivo e della necessita di avere un serbatoio di almeno 7 metri per garantire la pressione necessaria a far girare la macina. La posizione dove costruire il Mulino era determinata dalla sua altezza, a cui veniva aggiunto il dislivello dal Mulino precedente che permettesse la realizzazione del un canale di arrivo con leggera pendenza. Ma anche fare in modo che il canale in uscita potesse alimentare quello più a valle nelle stesse condizioni. Fu quindi la pendenza naturale del territorio l'elemento cardine su cui poggiava l'intero sistema idrico della Valle dei Mulini. La forza di gravità faceva scorrere l'acqua da un mulino all'altro dopo che aveva dato moto alla macina.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2006, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te