Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
TORRI BISSOCHE

TORRI BISSOCHE

VILLANOVA D'ASTI, ASTI

597°

POSTO

182

VOTI 2020
TORRI BISSOCHE

Le torri bissoche furono erette dai francesi all’inizio del XVI secolo durante le guerre tra Francesco I, Re di Francia, e Carlo V Re di Spagna. Francesco I decise di dotare di nuove fortificazioni Villanova d’Asti contro gli spagnoli che avevano basi militari in Valfenera e in Asti. I lavori iniziarono nel 1520 e terminarono nel 1548. Il nuovo sistema difensivo era completato da torri di avvistamento a nord e a sud della città, le due bissoche che ancora s’innalzano ben visibili sull’orizzonte del pianalto astigiano. Le due torri sono ripiene di terra fino alle porte che si collocano a circa dieci metri dal terreno circostante. I soldati di vedetta entravano da queste porte mediante scale a corda che venivano poi ritirate; alla sommità salivano poi dall’interno con scalini di pietra sporgenti dal muro in mattoni. Di qui, con segnali convenzionali (fuochi di notte e bandiere di giorno) comunicavano con la torre comunale interna alla fortezza in modo da consentire la chiusura in tempo delle porte della città difronte a pericoli. Al piano terra e nell’interrato delle torri di avvistamento si trovavano i viveri e le riserve d’acqua, poi, ai livelli superiori, la cucina, l’armeria, la camerata. Erano mini fortezze in piena regola.

 

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

2,357°
36 voti

Chiesa

CHIESA SCONSACRATA DEI BATU'

VILLANOVA D'ASTI, ASTI

8,691°
9 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN ROCCO - ALTARE DI FILIPPO JUVARRA

DUSINO SAN MICHELE, ASTI

14,144°
5 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO GROSSO

RIVA PRESSO CHIERI, TORINO

15,081°
4 voti

Chiesa

CONFRATERNITA SANTA CROCE

RIVA PRESSO CHIERI, TORINO

Vota altri luoghi simili

14,641 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

10,604 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

7,707 voti

Area naturale

CIRCUMARPICCOLO, STORIA DI UNA STRADA DIMENTICATA

TARANTO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

TORRI BISSOCHE

VILLANOVA D'ASTI, ASTI

TORRI BISSOCHE
Le torri bissoche furono erette dai francesi all’inizio del XVI secolo durante le guerre tra Francesco I, Re di Francia, e Carlo V Re di Spagna. Francesco I decise di dotare di nuove fortificazioni Villanova d’Asti contro gli spagnoli che avevano basi militari in Valfenera e in Asti. I lavori iniziarono nel 1520 e terminarono nel 1548. Il nuovo sistema difensivo era completato da torri di avvistamento a nord e a sud della città, le due bissoche che ancora s’innalzano ben visibili sull’orizzonte del pianalto astigiano. Le due torri sono ripiene di terra fino alle porte che si collocano a circa dieci metri dal terreno circostante. I soldati di vedetta entravano da queste porte mediante scale a corda che venivano poi ritirate; alla sommità salivano poi dall’interno con scalini di pietra sporgenti dal muro in mattoni. Di qui, con segnali convenzionali (fuochi di notte e bandiere di giorno) comunicavano con la torre comunale interna alla fortezza in modo da consentire la chiusura in tempo delle porte della città difronte a pericoli. Al piano terra e nell’interrato delle torri di avvistamento si trovavano i viveri e le riserve d’acqua, poi, ai livelli superiori, la cucina, l’armeria, la camerata. Erano mini fortezze in piena regola. Le torri sono due: la Torre di San Martino e la Torre di Supponito. Vennero fatte costruire nel XVI secolo dal re Francesco I di Francia per difendere le terre di Asti dagli attacchi degli Spagnoli e disposta l'una a Nord (Torre di Supponito, Strada Vicinale della Bisocca) e una a sud del paese (Torre di San Martino, Via Poirino)
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te