Iscriviti al FAI a -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
TORRI BISSOCHE

TORRI BISSOCHE

VILLANOVA D'ASTI, ASTI

782°

POSTO

206

VOTI 2020
TORRI BISSOCHE

Le torri bissoche furono erette dai francesi all’inizio del XVI secolo durante le guerre tra Francesco I, Re di Francia, e Carlo V Re di Spagna. Francesco I decise di dotare di nuove fortificazioni Villanova d’Asti contro gli spagnoli che avevano basi militari in Valfenera e in Asti. I lavori iniziarono nel 1520 e terminarono nel 1548. Il nuovo sistema difensivo era completato da torri di avvistamento a nord e a sud della città, le due bissoche che ancora s’innalzano ben visibili sull’orizzonte del pianalto astigiano. Le due torri sono ripiene di terra fino alle porte che si collocano a circa dieci metri dal terreno circostante. I soldati di vedetta entravano da queste porte mediante scale a corda che venivano poi ritirate; alla sommità salivano poi dall’interno con scalini di pietra sporgenti dal muro in mattoni. Di qui, con segnali convenzionali (fuochi di notte e bandiere di giorno) comunicavano con la torre comunale interna alla fortezza in modo da consentire la chiusura in tempo delle porte della città difronte a pericoli. Al piano terra e nell’interrato delle torri di avvistamento si trovavano i viveri e le riserve d’acqua, poi, ai livelli superiori, la cucina, l’armeria, la camerata. Erano mini fortezze in piena regola.

 

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

3,207°
40 voti

Chiesa

CHIESA SCONSACRATA DEI BATU'

VILLANOVA D'ASTI, ASTI

11,473°
11 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN ROCCO - ALTARE DI FILIPPO JUVARRA

DUSINO SAN MICHELE, ASTI

15,277°
8 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO GROSSO

RIVA PRESSO CHIERI, TORINO

20,639°
5 voti

Chiesa

CONFRATERNITA SANTA CROCE

RIVA PRESSO CHIERI, TORINO

Vota altri luoghi simili

31,976 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

31,629 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

19,673 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

TORRI BISSOCHE

VILLANOVA D'ASTI, ASTI

TORRI BISSOCHE
Le torri bissoche furono erette dai francesi all’inizio del XVI secolo durante le guerre tra Francesco I, Re di Francia, e Carlo V Re di Spagna. Francesco I decise di dotare di nuove fortificazioni Villanova d’Asti contro gli spagnoli che avevano basi militari in Valfenera e in Asti. I lavori iniziarono nel 1520 e terminarono nel 1548. Il nuovo sistema difensivo era completato da torri di avvistamento a nord e a sud della città, le due bissoche che ancora s’innalzano ben visibili sull’orizzonte del pianalto astigiano. Le due torri sono ripiene di terra fino alle porte che si collocano a circa dieci metri dal terreno circostante. I soldati di vedetta entravano da queste porte mediante scale a corda che venivano poi ritirate; alla sommità salivano poi dall’interno con scalini di pietra sporgenti dal muro in mattoni. Di qui, con segnali convenzionali (fuochi di notte e bandiere di giorno) comunicavano con la torre comunale interna alla fortezza in modo da consentire la chiusura in tempo delle porte della città difronte a pericoli. Al piano terra e nell’interrato delle torri di avvistamento si trovavano i viveri e le riserve d’acqua, poi, ai livelli superiori, la cucina, l’armeria, la camerata. Erano mini fortezze in piena regola. Le torri sono due: la Torre di San Martino e la Torre di Supponito. Vennero fatte costruire nel XVI secolo dal re Francesco I di Francia per difendere le terre di Asti dagli attacchi degli Spagnoli e disposta l'una a Nord (Torre di Supponito, Strada Vicinale della Bisocca) e una a sud del paese (Torre di San Martino, Via Poirino)
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te