REGALA LA TESSERA
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PONTE NOMENTANO

PONTE NOMENTANO

ROMA

470°

POSTO

160

VOTI 2022
Condividi
PONTE NOMENTANO
Vuoi per il suo aspetto che ricorda una fortezza merlata medioevale, vuoi per il contesto naturale che lo circonda, Ponte Nomentano - che spicca per il suo monumentale arco a tutto sesto sopra al fiume Aniene - da sempre cattura l’attenzione dei viaggiatori provenienti da nord-est diretti verso Roma. Tra i più celebri anche l’imperatore Carlo Magno venuto nell’Urbe per farsi incoronare dal Papa nel lontano 800. Situato al terzo miglio dell’omonima via da cui trae il nome, la Via Nomentana, era, assieme a Ponte Milvio, uno dei ponti extraurbani più strategici della città eterna. Concepito dai romani in epoca Repubblicana (II-I sec. a.C.), fu trasformato in fortezza da Adriano I nel sec. VIII. Più volte distrutto e restaurato, il ponte presenta una varietà di materiali e tecniche costruttive che abbraccia un ampio arco cronologico, dall’età antica a quella medievale e moderna. Fu modificato e rinforzato da diversi pontefici come per esempio papa Niccolò V (1447-1455) a cui si devono i lavori della struttura merlata dei quali rimane memoria nello stemma papale sulla fronte di accesso al versante a valle. A papa Sisto IV (1471-1484) si deve poi l’istituzione del pagamento di un pedaggio pedonale. Il ponte però non costituisce solo un punto cruciale di passaggio, ma anche uno dei monumenti più suggestivi della campagna romana, tant’è che sono tantissimi i disegni e le foto storiche che lo raffigurano.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

231° Posto

1,752 Voti
Censimento 2018

32,372° Posto

1 Voti
Censimento 2016

21,154° Posto

2 Voti
Censimento 2014

7,802° Posto

2 Voti
Censimento 2003

1,865° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

26,381°
2 voti

Giardino, parco urbano

TRATTO ACQUEDOTTO ACQUA VERGINE VIA DI PIETRALATA

ROMA

3,498°
21 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

SEDIA DEL DIAVOLO

ROMA

8,489°
11 voti

Giardino, parco urbano

PARCO DI VILLA CHIGI

ROMA

Vota altri luoghi simili

111°
1,004 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO D'ORTA E IL SUO ECOSISTEMA

ORTA SAN GIULIO, NOVARA

230°
373 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO DI SCANNO

SCANNO, L'AQUILA

336°
233 voti

Fiume, torrente, lago

LAGHI DI MONTICCHIO

RIONERO IN VULTURE, POTENZA

362°
215 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO D'AVERNO

POZZUOLI, NAPOLI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PONTE NOMENTANO

ROMA

Condividi
PONTE NOMENTANO
Vuoi per il suo aspetto che ricorda una fortezza merlata medioevale, vuoi per il contesto naturale che lo circonda, Ponte Nomentano - che spicca per il suo monumentale arco a tutto sesto sopra al fiume Aniene - da sempre cattura l’attenzione dei viaggiatori provenienti da nord-est diretti verso Roma. Tra i più celebri anche l’imperatore Carlo Magno venuto nell’Urbe per farsi incoronare dal Papa nel lontano 800. Situato al terzo miglio dell’omonima via da cui trae il nome, la Via Nomentana, era, assieme a Ponte Milvio, uno dei ponti extraurbani più strategici della città eterna. Concepito dai romani in epoca Repubblicana (II-I sec. a.C.), fu trasformato in fortezza da Adriano I nel sec. VIII. Più volte distrutto e restaurato, il ponte presenta una varietà di materiali e tecniche costruttive che abbraccia un ampio arco cronologico, dall’età antica a quella medievale e moderna. Fu modificato e rinforzato da diversi pontefici come per esempio papa Niccolò V (1447-1455) a cui si devono i lavori della struttura merlata dei quali rimane memoria nello stemma papale sulla fronte di accesso al versante a valle. A papa Sisto IV (1471-1484) si deve poi l’istituzione del pagamento di un pedaggio pedonale. Il ponte però non costituisce solo un punto cruciale di passaggio, ma anche uno dei monumenti più suggestivi della campagna romana, tant’è che sono tantissimi i disegni e le foto storiche che lo raffigurano.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te