Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PALAZZO DORIA

PALAZZO DORIA

VALMONTONE, ROMA

577°

POSTO

152

VOTI 2020
Condividi
PALAZZO DORIA
Sorge nella parte più alta della città di Valmontone, l'imponente palazzo dei conti Doria Pamphilj, una delle più importanti emergenze architettoniche del territorio laziale. Costruito tra il 1654 e il 1670 dal gesuita Benedetto Molli poi completato da Antonio del Grande sulle preesistenze dell'antico castello degli Sforza, l'edificio appare oggi come una fortezza, dalla facciata che s'innalza su un alto basamento scarpato a bugne e si sviluppa con quattro ordini di finestre con cornici in tufo. All'interno nel piano nobile si trova un importante ciclo di affreschi, oggi recuperati da un recente restauro, nel quale vi lavorarono i più famosi pittori del Seicento: da Pier Francesco Mola a cui fu affidato inizialmente il cantiere, a Mattia Preti, da Gaspard Dughet a Giambattista Tassi , dal Borgognone, a Francesco Cozza. Il programma iconografico ricco di riferimenti eruditi, fa risalire ad una committenza colta: ognuna delle quattro sale maggiori è dedicata ad una delle personificazioni dei quattro elementi naturali (Acqua, Aria, Terra e Fuoco), mentre le stanze minori sono dedicate ai quattro continenti. Suggestiva è la sala del Principe dalla superficie interamente affrescata da Dughet e Borgognone dove attraverso un finto colonnato che crea uno sfondamento prospettico, si aprono vedute di paesaggio. Vero capolavoro del ciclo pittorico è la Stanza dell'Aria affrescata da Mattia Preti che nello sfondamento illusionistico della parete, lascia muovere liberamente le figure nello spazio attorno all'Aria, posta all'interno di una corona dorata sorretta dai quattro venti.

Gallery

Scheda completa al 95%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

9,264° Posto

9 Voti
Censimento 2016

16,946° Posto

3 Voti
Censimento 2014

10,956° Posto

1 Voti
Censimento 2012

1,818° Posto

7 Voti

Vota altri luoghi vicini

2,691°
26 voti

Archeologia industriale

CASTELLO DI ARTENA

ARTENA, ROMA

Vota altri luoghi simili

12,844 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,576 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,202 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PALAZZO DORIA

VALMONTONE, ROMA

Condividi
PALAZZO DORIA
Sorge nella parte più alta della città di Valmontone, l'imponente palazzo dei conti Doria Pamphilj, una delle più importanti emergenze architettoniche del territorio laziale. Costruito tra il 1654 e il 1670 dal gesuita Benedetto Molli poi completato da Antonio del Grande sulle preesistenze dell'antico castello degli Sforza, l'edificio appare oggi come una fortezza, dalla facciata che s'innalza su un alto basamento scarpato a bugne e si sviluppa con quattro ordini di finestre con cornici in tufo. All'interno nel piano nobile si trova un importante ciclo di affreschi, oggi recuperati da un recente restauro, nel quale vi lavorarono i più famosi pittori del Seicento: da Pier Francesco Mola a cui fu affidato inizialmente il cantiere, a Mattia Preti, da Gaspard Dughet a Giambattista Tassi , dal Borgognone, a Francesco Cozza. Il programma iconografico ricco di riferimenti eruditi, fa risalire ad una committenza colta: ognuna delle quattro sale maggiori è dedicata ad una delle personificazioni dei quattro elementi naturali (Acqua, Aria, Terra e Fuoco), mentre le stanze minori sono dedicate ai quattro continenti. Suggestiva è la sala del Principe dalla superficie interamente affrescata da Dughet e Borgognone dove attraverso un finto colonnato che crea uno sfondamento prospettico, si aprono vedute di paesaggio. Vero capolavoro del ciclo pittorico è la Stanza dell'Aria affrescata da Mattia Preti che nello sfondamento illusionistico della parete, lascia muovere liberamente le figure nello spazio attorno all'Aria, posta all'interno di una corona dorata sorretta dai quattro venti.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te