ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
LUCCHESIANA

LUCCHESIANA

AGRIGENTO

373°

POSTO

34

VOTI 2022
LUCCHESIANA
Eretta “senza risparmio di fatiche né di spese” dal conte Andrea Lucchesi Palli (1692-1768), vescovo di Agrigento, fu donata al popolo e aperta a tutti nel 1765. Il fondo storico, costituito dai circa 14 mila volumi della biblioteca personale del Vescovo comprende 31 codici arabi che con quelli della Centrale e della Comunale di Palermo rappresentano il 90 % dei manoscritti orientali custoditi nelle biblioteche siciliane. La “clara et magnifica” Lucchesiana possiede oggi oltre 80 mila documenti, di cui la metà anteriori al 1800. Quella della Lucchesiana è una storia legata alla figura di Andrea Lucchesi Palli, che ne fu il fondatore e da cui prese il nome. Nella seconda metà del Settecento, infatti, Lucchesi Palli lasciò Palermo, dove era stato, fra l’altro, membro e direttore dell’Accademia del Buon Gusto e canonico della Cattedrale, per essere eletto vescovo della Diocesi di Agrigento, fra le più grandi della Sicilia, ma poverissima e con un tasso altissimo di analfabetismo. l Vescovo Lucchesi Palli fu un grande studioso ma soprattutto fu un grande illuminato. Nonostante uomo di chiesa dedicò i suoi studi dall'astronomia alla storia, dalla sociologia alle scienze umanistiche.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Testimonial che sostengono questo luogo

Gianfranco Jannuzzo

Attore

Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

182° Posto

2,488 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

NC
0 voti

Palazzo storico, dimora storica

COLLEGIO DEI FILIPPINI

AGRIGENTO

4,338°
3 voti

Palazzo storico, dimora storica

CAMERA DI COMMERCIO

AGRIGENTO

Vota altri luoghi simili

1,461 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,319 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

1,098 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

1,044 voti

Area urbana, piazza

VILLAGGIO OPERAIO DI CRESPI D'ADDA

CAPRIATE SAN GERVASIO, BERGAMO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

LUCCHESIANA

AGRIGENTO

LUCCHESIANA
Eretta “senza risparmio di fatiche né di spese” dal conte Andrea Lucchesi Palli (1692-1768), vescovo di Agrigento, fu donata al popolo e aperta a tutti nel 1765. Il fondo storico, costituito dai circa 14 mila volumi della biblioteca personale del Vescovo comprende 31 codici arabi, descritti da Michele Amari, che con quelli della Centrale e della Comunale di Palermo rappresentano il 90 % dei manoscritti orientali custoditi nelle biblioteche siciliane. La “clara et magnifica” Lucchesiana possiede oggi oltre 80 mila volumi, fra i quali , più della metà, manoscritti,incunabuli, edizioni rare e pregiate dei secoli XVI, XVII,XVIII, anteriori al 1800. Quella della Lucchesiana è una storia legata alla figura di Andrea Lucchesi Palli, che ne fu il fondatore e da cui prese il nome. Nella seconda metà del Settecento, infatti, Lucchesi Palli lasciò Palermo, dove era stato, fra l’altro, membro e direttore dell’Accademia del Buon Gusto e canonico della Cattedrale, per essere eletto vescovo della Diocesi di Agrigento, fra le più grandi della Sicilia, ma poverissima e con un tasso altissimo di analfabetismo. ll Vescovo Lucchesi Palli fu un grande studioso ma soprattutto fu un grande illuminato. Nonostante uomo di chiesa dedicò i suoi studi dall'astronomia alla storia, dalla sociologia alle scienze umanistiche. La Lucchesiana è la Biblioteca del famoso romanzo "Il fu Mattia Pascal".Luigi Pirandello infatti la conosceva bene, avendola frequentata , prima della sua partenza per Bonn, per conto del Professore Ernesto Monaci, al quale descrisse l'esperienza della visita "traumatica", in una famosa lettera.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te