ISCRIVITI Al FAI
EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

SULMONA, L'AQUILA

Condividi
EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

anno censimento

2020

numero voti

22,442

posizione classifica

2

stato del progetto

In corso

tipologia

Restauro

Luogo di grande valore spirituale, arroccato su una rupe affacciata sulla Valle Peligra e legato a papa Celestino V.

L'eremo, risalente al XIII secolo, è arroccato sulla parete rocciosa del Morrone che sovrasta Sulmona. È un luogo che colpisce non solo per la testimonianza storica, artistica e religiosa ma, anche per la natura selvaggia e incontaminata che lo circonda. Dal suo straordinario belvedere la vista domina la magnifica abbazia di Santo Spirito a Morrone, il più importante insediamento della congregazione dei Celestini, lo storico campo di prigionia 78 e l'intera Valle Peligra.

L’eremo di Sant’Onofrio da Morrone è stato scelto da Pietro da Morrone (1209/1215 circa – 1296), diventato papa con il nome di Celestino V, come luogo dove ritirarsi. Dove inizialmente c'era solo una grotta egli fece costruire una celletta per sé, un secondo locale con una edicola per celebrare la Messa e a fianco le celle dei monaci.

L'oratorio ha una volta a botte dipinta con un cielo stellato. Le pareti sono ricoperte da affreschi di un certo Sant'Onofrio risalenti verosimilmente al XIII secolo. Sul fondo è raffigurata la crocifissione e ai lati la Madonna e San Giovanni; nella lunetta sovrastante è visibile la Vergine in trono con Bambino e in quella di fronte San Benedetto, San Mauro e Sant'Antonio Abate. Sulla parete di sinistra, un altro affresco del XIV secolo raffigura Pietro nelle vesti di Pontefice. Attraverso un corridoio si accede alle cellette dei monaci e in una nicchia affrescata è visibile una Crocifissione con due coppie di Santi tra cui San Pietro Celestino. Sottostante la chiesa vi è una piccola grotta con il giaciglio di Pietro scavato nella roccia. La tradizione popolare chiama questo luogo "culla di Sant'Onofrio" e il coricarsi su questa pietra aiuterebbe a guarire i dolori.

SCARICA QUI i materiali per promuovere il risultato ottenuto dal tuo Luogo del Cuore

eremo
eremo
eremo
eremo
eremo
eremo
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

373° Posto

229 Voti
Censimento 2020

9° Posto

22,442 Voti
Censimento 2020

2° Posto

22,442 Voti
Censimento 2018

3,058° Posto

27 Voti
Censimento 2016

4,415° Posto

14 Voti
Censimento 2014

10,916° Posto

1 Voti
Censimento 2012

532° Posto

26 Voti
Censimento 2010

4,351° Posto

1 Voti

EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

SULMONA, L'AQUILA

Condividi
EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE
L'eremo, risalente al XIII secolo, è il luogo più intimamente connesso alla vicenda di Pietro da Morrone, diventato papa con il nome di Celestino V e successivamente canonizzato come San Pietro Confessore. Oasi di pace e di spiritualità, ospita la grotta che fu il primo umile rifugio dell'eremita. Al suo interno i pellegrini vi compivano un rito antico e "apotropaico" per guarire, come vuole la tradizione, dai dolori articolari giacendo per qualche istante sulla spelonca rocciosa che fu il giaciglio del santo eremita. È arroccato sulla parete rocciosa del Morrone che si erge perpendicolare sui resti del tempio italico di Ercole Curino, altro nume tutelare dell'Abruzzo antico. Dal suo straordinario belvedere la vista domina la magnifica abbazia di Santo Spirito a Morrone, lo storico campo di prigionia 78 e l'intera Valle Peligna. È elettivamente il "luogo del cuore" degli abruzzesi per la densità delle vicende storiche e spirituali ad esso collegate.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2019, 2020
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020, 2022

News

Dal territorio

Il restauro degli affreschi dell’Eremo di Sant’Onofrio al Morrone

2023-08-22

Grazie al contributo di FAI e Intesa Sanpaolo nell’ambito del progetto de “I Luoghi del Cuore” sono iniziati i lavori di restauro degli affr...
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te