ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
DEVIA E CHIESA ROMANICA DI MONTE D'ELIO

DEVIA E CHIESA ROMANICA DI MONTE D'ELIO

SAN NICANDRO GARGANICO, FOGGIA

10,677°

POSTO

4

VOTI 2022
Condividi
DEVIA E CHIESA ROMANICA DI MONTE D'ELIO
Il Parco Archeologico e ambientale di Monte d’Elio è situato sul versante occidentale del rilievo omonimo, a 265 m. sul livello del mare, posto tra la laguna di Lesina e quella di Varano, in agro di Sannicandro Garganico. Il Parco Archeologico è costituito dalla chiesa romanica, dalle rovine della città di Devia e da alcuni sentieri che ricalcano parte di tracciati di antiche mulattiere. La chiesa è un gioiello dello stile romanico pugliese e testimonianza dell’esistenza dell’antica città slava di Devia. La città, recentemente venuta per buona parte alla luce, è ancora avvolta nel mistero. Non vi sono notizie certe circa la sua fondazione. Viceversa si hanno notizie certe che attestano all'XI secolo, la presenza di una comunità di origine slava. La città era, per posizione, una località di notevole importanza strategica e politica a tal punto che dalle documentazioni scritte si evince un notevole movimento commerciale oltre a uno stile di vita particolarmente attivo in quest’area del Gargano settentrionale. L'economia del piccolo borgo era basata prevalentemente sull'agricoltura. Devia fu abbandonata verso la fine del XIV secolo, per motivi poco chiari, forse a causa delle ricorrenti invasioni di saraceni. Rimasero in attività però i due centri culturali di Santa Maria di Monte d’Elio e della grotta dell’Angelo. Nel periodo successivo, si ha notizia di un certo numero di eremiti che abitarono questi luoghi, che però incontrarono difficoltà per mantenere in piedi una costruzione di siffatte dimensioni. E infine la chiesa fu abbandonata all’incuria, ai terremoti e utilizzata come stalla fino al crollo della copertura, che rese l’edificio inutilizzabile per secoli. Nel XVIII sec. il sito fu definitivamente abbandonato. Negli anni ‘80 la Sovrintendenza ai Beni Culturali di Bari è intervenuta per risanare e restaurare il monumento. Dopo i restauri è stata consegnata alla parrocchia: da allora non ci sono stati più interventi e purtroppo ci sono dei problemi anche strutturali, in particolare il tetto è stato danneggiato a causa delle intemperie (buco aperto proprio sulla porta d’ingresso), le colonne in mattoni di tufo sono molto fragili, soprattutto la colonna con incassata un’acquasantiera si sta sgretolando, come pure gli affreschi: un peccato perché questa chiesa, anche se poco conosciuta, è un vero tesoro di storia e di arte. Nei pressi si scorgono i ruderi di varie costruzioni, tra cui un’altra chiesetta absidata situata sul pendio orientale. L’interno della chiesa presenta tre navate absidate divise tra loro mediante colonne circolari prive di basi e terminanti con capitelli cubici. Il soffitto è costituito dalle tradizionali capriate in legno. La chiesa custodisce un ricco e affascinante ciclo di affreschi presenti nelle decorazioni parietali datati tra il XII e il XIV sec dal gusto bizantineggiante che fungono da testimonianza della realtà storica, sociale e culturale delle comunità che abitarono Devia nel corso dei secoli.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

880° Posto

224 Voti
Censimento 2018

11,751° Posto

7 Voti
Censimento 2016

4,415° Posto

14 Voti
Censimento 2014

6,122° Posto

3 Voti
Censimento 2012

1,402° Posto

9 Voti
Censimento 2010

2,581° Posto

2 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

30,922°
1 voto

Castello, rocca

CASTELLO SVEVO

SAN NICANDRO GARGANICO, FOGGIA

14,109°
3 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO DI TERRA VECCHIA

SAN NICANDRO GARGANICO, FOGGIA

NC
0 voti

Area naturale

ISTMO LESINA

SAN NICANDRO GARGANICO, FOGGIA

NC
0 voti

Area naturale

PARCO DI SANNICANDRO GARGANICO

SAN NICANDRO GARGANICO, FOGGIA

Vota altri luoghi simili

34°
1,190 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIACOMO DELLA VITTORIA

ALESSANDRIA

38°
1,039 voti

Chiesa

SANTA LIMBANIA

ROCCA GRIMALDA, ALESSANDRIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

DEVIA E CHIESA ROMANICA DI MONTE D'ELIO

SAN NICANDRO GARGANICO, FOGGIA

Condividi
DEVIA E CHIESA ROMANICA DI MONTE D'ELIO
Il Parco Archeologico e ambientale di Monte d’Elio è situato sul versante occidentale del rilievo omonimo, a 265 m. sul livello del mare, posto tra la laguna di Lesina e quella di Varano, in agro di Sannicandro Garganico. Il Parco Archeologico è costituito dalla chiesa romanica, dalle rovine della città di Devia e da alcuni sentieri che ricalcano parte di tracciati di antiche mulattiere. La chiesa è un gioiello dello stile romanico pugliese e testimonianza dell’esistenza dell’antica città slava di Devia. La città, recentemente venuta per buona parte alla luce, è ancora avvolta nel mistero. Non vi sono notizie certe circa la sua fondazione. Viceversa si hanno notizie certe che attestano all'XI secolo, la presenza di una comunità di origine slava. La città era, per posizione, una località di notevole importanza strategica e politica a tal punto che dalle documentazioni scritte si evince un notevole movimento commerciale oltre a uno stile di vita particolarmente attivo in quest’area del Gargano settentrionale. L'economia del piccolo borgo era basata prevalentemente sull'agricoltura. Devia fu abbandonata verso la fine del XIV secolo, per motivi poco chiari, forse a causa delle ricorrenti invasioni di saraceni. Rimasero in attività però i due centri culturali di Santa Maria di Monte d’Elio e della grotta dell’Angelo. Nel periodo successivo, si ha notizia di un certo numero di eremiti che abitarono questi luoghi, che però incontrarono difficoltà per mantenere in piedi una costruzione di siffatte dimensioni. E infine la chiesa fu abbandonata all’incuria, ai terremoti e utilizzata come stalla fino al crollo della copertura, che rese l’edificio inutilizzabile per secoli. Nel XVIII sec. il sito fu definitivamente abbandonato. Negli anni ‘80 la Sovrintendenza ai Beni Culturali di Bari è intervenuta per risanare e restaurare il monumento. Dopo i restauri è stata consegnata alla parrocchia: da allora non ci sono stati più interventi e purtroppo ci sono dei problemi anche strutturali, in particolare il tetto è stato danneggiato a causa delle intemperie (buco aperto proprio sulla porta d’ingresso), le colonne in mattoni di tufo sono molto fragili, soprattutto la colonna con incassata un’acquasantiera si sta sgretolando, come pure gli affreschi: un peccato perché questa chiesa, anche se poco conosciuta, è un vero tesoro di storia e di arte. Nei pressi si scorgono i ruderi di varie costruzioni, tra cui un’altra chiesetta absidata situata sul pendio orientale. L’interno della chiesa presenta tre navate absidate divise tra loro mediante colonne circolari prive di basi e terminanti con capitelli cubici. Il soffitto è costituito dalle tradizionali capriate in legno. La chiesa custodisce un ricco e affascinante ciclo di affreschi presenti nelle decorazioni parietali datati tra il XII e il XIV sec dal gusto bizantineggiante che fungono da testimonianza della realtà storica, sociale e culturale delle comunità che abitarono Devia nel corso dei secoli.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te