Iscriviti al FAI a -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SAN VITTORE E XL MARTIRI

CHIESA DI SAN VITTORE E XL MARTIRI

MILANO

848°

POSTO

19

VOTI 2020
Condividi
CHIESA DI SAN VITTORE E XL MARTIRI
Descrizione - L'esigenza di recuperare questi immobili nasce da molteplici motivazioni. Innanzi tutto la chiesa di S.Vittore e 40 Martiri è un simbolo perchè all'epoca della sua costruzione (1928) non esisteva neppure il viale Lucania e tutt'intorno erano prati: qui è nata la comunità locale. Trent'anni dopo è stata costruita una nuova chiesa più grande a causa del forte aumento demografico e la vecchia ha assunto il ruolo di aiuto ai poveri: dal 1956 infatti il gruppo caritativo ne ha fatto il luogo di distribuzione di viveri, vestiario e colazione tutti i sabati del mese. Tuttavia le pessime condizioni manutentive in cui versa lo hanno reso un edificio pericoloso e inutilizzabile. Infine questa chiesa è un bene molto prezioso in quanto per posizione e dimensioni si presta benissimo ad un riuso a sostegno della comunità locale. Attualmente si sta già intervenendo per mettere in sicurezza l'involucro esterno dei fabbricati per evitare la caduta di materiali in distacco e per interrompere il processo di degrado, con opere che nello specifico prevedono per la chiesa di S.Vittore e 40 Martiri al mapp.A e il volume ex-sacrestia al mapp.75 il restauro delle facciate in pessimo stato conservativo e talvolta pericolanti, il ripristino/sostituzione dei serramenti non più funzionanti, la verifica e messa in sicurezza delle strutture della copertura che non è stato possibile indagare preliminarmente, la verifica e messa in sicurezza della volta interna che presenta cavillature e fessurazioni all'intradosso, la ricorsa del manto di copertura che presenta parecchie falle; per il volume al mapp.15, adiacente alla facciata Nord della chiesa, l'intervento prevede modifiche esterne e interne con creazione di vespaio aerato, riordino della facciata fatiscente e abbassamento della copertura, oltre al totale rifacimento della pavimentazione del cortile. Obiettivi - L'obiettivo che si vuole perseguire con questi nuovi lotti di intervento futuri per cui chiediamo aiuto è quello di rendere agibili e decorosi tutti gli spazi interni e dotandoli di nuovi servizi e impianti che ne permettano il pieno utilizzo per attività oratoriali e iniziative a scopo sociale per la comunità locale. Strategia - L’opera complessiva è suddivisa in molteplici lotti di intervento che si susseguono in ordine di priorità a partire dal più indispensabile. Nello specifico l’intenzione è quella di restaurare la fascia bassa delle pareti interne che nel tempo ha subito svariati rimaneggiamenti e che oggi presenta un alto grado di deterioramento; di risanare le pavimentazioni miste in seminato, palladiana e pietra; di restaurare balconata, la bussola d’ingresso e il portone; di ripristinare gli spazi interni della ex-sacrestia, al piano rialzato e al primo per poterli utilizzare come locali accessori e di servizio, compreso l’adeguamento normativo necessario per la centrale termica sottostante; di ampliare in esterno il servizio igienico attuale ottenendone tre nuovi compreso quello per i diversamente abili; di sostituire gli impianti di riscaldamento e di illuminazione con nuove tecnologie più efficienti e soluzioni esteticamente compatibili. In ultima analisi, in quanto attualmente non urgenti e fondamentali, verranno prese in considerazione le opere di restauro degli affreschi, cornici-capitelli-doccioni e altre parti di modellato in gesso/cemento decorativo, di restauro dei manufatti interni quali altare e organo, pertanto il percorso sarà lungo e impegnativo. Risultati attesi - Il risultato che si intende ottenere è il recupero di una chiesa fortemente simbolica per la comunità locale in quanto primo edificio realizzato nella zona nel 1928, e ripristino del suo utilizzo per scopi sociali legati all'attività oratoriale e per nuovi progetti di inclusione sociale e lavorativa di persone OVER60 e NEET mediante il passaggio di competenze trasversali e professionali tra diverse generazioni.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

848° Posto

19 Voti
Censimento 2018

22,790° Posto

3 Voti
Censimento 2016

16,946° Posto

3 Voti
Censimento 2012

5,264° Posto

3 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

859°
8 voti

Chiesa

ORATORIO DI SAN VITTORE E 40 MARTIRI

MILANO

848°
19 voti

Chiesa

PARROCCHIA MEDAGLIA MIRACOLOSA

MILANO

856°
11 voti

Torre

TORRE DELLA FONDAZIONE PRADA

MILANO

847°
20 voti

Museo

FONDAZIONE PRADA

MILANO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI SAN VITTORE E XL MARTIRI

MILANO

Condividi
CHIESA DI SAN VITTORE E XL MARTIRI
Descrizione - L'esigenza di recuperare questi immobili nasce da molteplici motivazioni. Innanzi tutto la chiesa di S.Vittore e 40 Martiri è un simbolo perchè all'epoca della sua costruzione (1928) non esisteva neppure il viale Lucania e tutt'intorno erano prati: qui è nata la comunità locale. Trent'anni dopo è stata costruita una nuova chiesa più grande a causa del forte aumento demografico e la vecchia ha assunto il ruolo di aiuto ai poveri: dal 1956 infatti il gruppo caritativo ne ha fatto il luogo di distribuzione di viveri, vestiario e colazione tutti i sabati del mese. Tuttavia le pessime condizioni manutentive in cui versa lo hanno reso un edificio pericoloso e inutilizzabile. Infine questa chiesa è un bene molto prezioso in quanto per posizione e dimensioni si presta benissimo ad un riuso a sostegno della comunità locale. Attualmente si sta già intervenendo per mettere in sicurezza l'involucro esterno dei fabbricati per evitare la caduta di materiali in distacco e per interrompere il processo di degrado, con opere che nello specifico prevedono per la chiesa di S.Vittore e 40 Martiri al mapp.A e il volume ex-sacrestia al mapp.75 il restauro delle facciate in pessimo stato conservativo e talvolta pericolanti, il ripristino/sostituzione dei serramenti non più funzionanti, la verifica e messa in sicurezza delle strutture della copertura che non è stato possibile indagare preliminarmente, la verifica e messa in sicurezza della volta interna che presenta cavillature e fessurazioni all'intradosso, la ricorsa del manto di copertura che presenta parecchie falle; per il volume al mapp.15, adiacente alla facciata Nord della chiesa, l'intervento prevede modifiche esterne e interne con creazione di vespaio aerato, riordino della facciata fatiscente e abbassamento della copertura, oltre al totale rifacimento della pavimentazione del cortile. Obiettivi - L'obiettivo che si vuole perseguire con questi nuovi lotti di intervento futuri per cui chiediamo aiuto è quello di rendere agibili e decorosi tutti gli spazi interni e dotandoli di nuovi servizi e impianti che ne permettano il pieno utilizzo per attività oratoriali e iniziative a scopo sociale per la comunità locale. Strategia - L’opera complessiva è suddivisa in molteplici lotti di intervento che si susseguono in ordine di priorità a partire dal più indispensabile. Nello specifico l’intenzione è quella di restaurare la fascia bassa delle pareti interne che nel tempo ha subito svariati rimaneggiamenti e che oggi presenta un alto grado di deterioramento; di risanare le pavimentazioni miste in seminato, palladiana e pietra; di restaurare balconata, la bussola d’ingresso e il portone; di ripristinare gli spazi interni della ex-sacrestia, al piano rialzato e al primo per poterli utilizzare come locali accessori e di servizio, compreso l’adeguamento normativo necessario per la centrale termica sottostante; di ampliare in esterno il servizio igienico attuale ottenendone tre nuovi compreso quello per i diversamente abili; di sostituire gli impianti di riscaldamento e di illuminazione con nuove tecnologie più efficienti e soluzioni esteticamente compatibili. In ultima analisi, in quanto attualmente non urgenti e fondamentali, verranno prese in considerazione le opere di restauro degli affreschi, cornici-capitelli-doccioni e altre parti di modellato in gesso/cemento decorativo, di restauro dei manufatti interni quali altare e organo, pertanto il percorso sarà lungo e impegnativo. Risultati attesi - Il risultato che si intende ottenere è il recupero di una chiesa fortemente simbolica per la comunità locale in quanto primo edificio realizzato nella zona nel 1928, e ripristino del suo utilizzo per scopi sociali legati all'attività oratoriale e per nuovi progetti di inclusione sociale e lavorativa di persone OVER60 e NEET mediante il passaggio di competenze trasversali e professionali tra diverse generazioni.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te