ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SAN FRANCESCO

CHIESA DI SAN FRANCESCO

RIETI

Condividi
CHIESA DI SAN FRANCESCO
La Chiesa, inserita nel tessuto urbano della città, è fortemente amata dalla popolazione reatina. Ad essa si legano le antiche celebrazioni in onore di Sant'Antonio, in ragione della presenza della Pia Unione in questo luogo sacro sin dal 1812. La festa di Sant'Antonio è divenuta la più importante espressione, sentita e spontanea, di devozione popolare della provincia e diocesi di Rieti, culminante con la suggestiva processione dei ceri che si tiene l'ultima domenica di giugno. La Chiesa di San Francesco è nel cuore della gente; sebbene sia aperta al culto soltanto una domenica al mese, costituisce il fulcro della fede francescana per il territorio reatino. Negli anni in cui Francesco si trovò a percorrere la valle reatina, nacque il primo insediamento dei frati minori: un piccolo oratorio, vicino l'hospitale Santa Croce, edificato dal poverello d'Assisi per la cura degli infermi. Durante il pontificato di Papa Nicolò IV, a partire dal 1246, iniziarono i lavori di edificazione del complesso conventuale. Tra i seminari più importanti d'Italia nel corso del seicento, il convento venne chiuso con l'avvento di Napoleone, poi soppresso nel 1866 e ceduto definitivamente al Comune di Rieti nel 1873. La facciata, semplice e severa, in stile gotico-romano, conserva una sua sostanziale originalità; sul portale architravato si legge ancora la scritta che ricorda la trasformazione dell'interno della Chiesa nel 1635, quando il pavimento fu rialzato per via delle frequenti inondazioni del fiume Velino. L'interno ampio, tipico delle chiese degli ordini mendicanti, è adatto ad accogliere moltitudini di fedeli. La Chiesa conserva la lastra di palombino che ricorda il vescovo Gerardo di Soissons, i suoi due cappellani e la loro tragica fine, uccisi nei pressi di Rieti nel 1296 da un gruppo di Ghibellini. Al centro si trova l'altare maggiore e dietro di esso il coro, dove, nel 1953, tornarono alla luce splendidi affreschi di scuola giottesca raffiguranti le storie francescane. Sul transetto sinistro, recenti restauri hanno restituito pregevoli decorazioni pittoriche risalenti ad un periodo a cavallo tra il 1200 e il 1300, raffiguranti l'Ascensione di Cristo e l'Assunzione della Vergine. Adiacente alla Chiesa si trova l'Oratorio dedicato a San Bernardino, fatto erigere nel 1463 da Padre Maestro Francesco Maria della Rovere, futuro Sisto IV, ove poi sorse la confraternita omonima. La Chiesa è attualmente un bene del Fondo Edifici di Culto, gestito dal Ministero dell'Interno.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

10,635° Posto

13 Voti
Censimento 2018

13,636° Posto

6 Voti
Censimento 2016

6,171° Posto

10 Voti
Censimento 2014

127° Posto

2,478 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

NC
0 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN DOMENICO E ORATORIO DI SAN PIETRO MARTIRE

RIETI

Vota altri luoghi simili

3,364 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI.

NAPOLI

2,047 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

1,999 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,736 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI SAN FRANCESCO

RIETI

Condividi
CHIESA DI SAN FRANCESCO
La Chiesa, inserita nel tessuto urbano della città, è fortemente amata dalla popolazione reatina. Ad essa si legano le antiche celebrazioni in onore di Sant'Antonio, in ragione della presenza della Pia Unione in questo luogo sacro sin dal 1812. La festa di Sant'Antonio è divenuta la più importante espressione, sentita e spontanea, di devozione popolare della provincia e diocesi di Rieti, culminante con la suggestiva processione dei ceri che si tiene l'ultima domenica di giugno. La Chiesa di San Francesco è nel cuore della gente; sebbene sia aperta al culto soltanto una domenica al mese, costituisce il fulcro della fede francescana per il territorio reatino. Negli anni in cui Francesco si trovò a percorrere la valle reatina, nacque il primo insediamento dei frati minori: un piccolo oratorio, vicino l'hospitale Santa Croce, edificato dal poverello d'Assisi per la cura degli infermi. Durante il pontificato di Papa Nicolò IV, a partire dal 1246, iniziarono i lavori di edificazione del complesso conventuale. Tra i seminari più importanti d'Italia nel corso del seicento, il convento venne chiuso con l'avvento di Napoleone, poi soppresso nel 1866 e ceduto definitivamente al Comune di Rieti nel 1873. La facciata, semplice e severa, in stile gotico-romano, conserva una sua sostanziale originalità; sul portale architravato si legge ancora la scritta che ricorda la trasformazione dell'interno della Chiesa nel 1635, quando il pavimento fu rialzato per via delle frequenti inondazioni del fiume Velino. L'interno ampio, tipico delle chiese degli ordini mendicanti, è adatto ad accogliere moltitudini di fedeli. La Chiesa conserva la lastra di palombino che ricorda il vescovo Gerardo di Soissons, i suoi due cappellani e la loro tragica fine, uccisi nei pressi di Rieti nel 1296 da un gruppo di Ghibellini. Al centro si trova l'altare maggiore e dietro di esso il coro, dove, nel 1953, tornarono alla luce splendidi affreschi di scuola giottesca raffiguranti le storie francescane. Sul transetto sinistro, recenti restauri hanno restituito pregevoli decorazioni pittoriche risalenti ad un periodo a cavallo tra il 1200 e il 1300, raffiguranti l'Ascensione di Cristo e l'Assunzione della Vergine. Adiacente alla Chiesa si trova l'Oratorio dedicato a San Bernardino, fatto erigere nel 1463 da Padre Maestro Francesco Maria della Rovere, futuro Sisto IV, ove poi sorse la confraternita omonima. La Chiesa è attualmente un bene del Fondo Edifici di Culto, gestito dal Ministero dell'Interno.
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2014
I Luoghi del Cuore
2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te