ISCRIVITI AL FAI
Bene FAI per tutti: prosegue l’impegno per una maggiore inclusività

Bene FAI per tutti: prosegue l’impegno per una maggiore inclusività

Condividi
Bene FAI per tutti: prosegue l’impegno per una maggiore inclusività
In primo piano

20 giugno 2022

Nell’ambito del progetto “Bene FAI per tutti” sono 11 i Beni accessibili ai visitatori con disabilità intellettiva, per permettere a tutti di vivere pienamente e senza difficoltà i Beni della Fondazione.

Nel 2022 il FAI rinnova il suo impegno a favore di una maggiore inclusività e accessibilità culturale, rilanciando il progetto “Bene FAI per tutti” dedicato a persone con disabilità intellettiva, avviato nel 2016 per permettere a tutti i visitatori di vivere pienamente e senza difficoltà i Beni della Fondazione.

L’iniziativa - ideata e realizzata dall’Associazione L’abilità Onlus con la Fondazione De Agostini e resa possibile grazie al prezioso sostegno di Viatris – negli anni è arrivata a coinvolgere undici Beni del FAI in tutta Italia, per i quali è oggi possibile scaricare dal sito www.benefaipertutti.it apposite guide in linguaggio semplificato (adatte sia ad adulti che a bambini e ragazzi), che vengono costantemente aggiornate grazie a un importante lavoro d’équipe multidisciplinare: esperti in beni culturali e accessibilità, pedagogisti, neuropsicomotricisti, psicologi ed educatori. Si tratta di testi “easy to read” arricchiti con fotografie, illustrazioni e mappe, che rendono la visita un’esperienza inclusiva e piacevole e che permettono agli ospiti e ai loro caregiver (genitori, insegnanti, accompagnatori) di familiarizzare con i luoghi e apprenderne la storia, le caratteristiche e le curiosità in modo coinvolgente, grazie a strumenti di comunicazione studiati per ridurre lo stress e le difficoltà di comprensione del contesto delle persone con disabilità, rimuovendo le barriere che impediscono loro di essere parte attiva della visita.

Da nord a sud della Penisola, i Beni del FAI che rientrano attualmente nel progetto sono Villa Necchi Campiglio a Milano, Villa e Collezione Panza a Varese, Castello e Parco di Masino a Caravino (TO), Negozio Olivetti a Venezia, Villa dei Vescovi a Luvigliano di Torreglia (PD), Torre e Casa Campatelli a San Gimignano (SI), Parco Villa Gregoriana a Tivoli (RM), Bosco di San Francesco ad Assisi (PG), Casa Noha a Matera, Abbazia di Santa Maria di Cerrate a Lecce e Giardino della Kolymbethra ad Agrigento. Per tutti questi luoghi sono stati creati specifici percorsi di visita – da svolgere in autonomia o con il personale del Bene, singolarmente o per piccoli gruppi - pensati in ottica inclusiva, nell’idea che ciascuno sia portatore di abilità diverse che possono essere valorizzate in un contesto di apprendimento cooperativo.

«Per il FAI il progetto “Bene FAI per tutti” è oggi più che mai fondamentale; i temi dell’inclusione e dell’accessibilità, da sempre parte della nostra missione, sono diventati essenziali per ampliare la nostra offerta di visita rendendo la bellezza e la cultura accessibili a tutti. Dal 2016, anno di lancio del progetto, circa 1.200 persone con disabilità intellettiva accompagnati dai loro caregiver hanno visitato i nostri Beni. Grazie al rinnovato accordo con L’abilità Onlus e al sostegno di Viatris, che per il primo anno si affianca alla Fondazione, ci auguriamo di poter coinvolgere sempre più persone nella scoperta del patrimonio d’arte e natura del nostro Paese». Davide Usai, Direttore Generale FAI

«Il percorso per rendere accessibili alle persone con disabilità intellettiva i Beni del Fondo per l’Ambiente Italiano continua con grande impegno – afferma Carlo Riva, Direttore di L’abilità Onlus – Consentire a queste realtà culturali e naturalistiche di svelarsi a un pubblico che solitamente resta fuori da questo tipo di esperienze, è un dovere che insieme al FAI stiamo portando avanti con grande attenzione. Il nostro obiettivo nei prossimi anni è quello di trovare sempre strategie educative e modalità di comunicazione efficaci per fare in modo che il pubblico dei visitatori con disabilità intellettiva sia sempre più presente all’interno dei Beni del FAI».

Grazie a Viatris, azienda che condivide con il FAI l’importanza dell’inclusione sociale e per il primo anno è accanto alla Fondazione in qualità di sponsor del progetto.

«In Viatris, siamo onorati di sostenere il progetto “Bene FAI per tutti” perché, grazie a questa iniziativa, alcuni Beni del FAI potranno essere accessibili anche alle persone affette da disabilità cognitive, offrendo a loro ed alle loro famiglie, un'opportunità di inclusione e di contatto con il mondo della cultura - dichiara Fabio Torriglia, Country Manager di Viatris in Italia - Siamo impegnati a consentire alle persone nel mondo di vivere una vita più sana in ogni sua fase a prescindere dal luogo e dalle circostanze e a migliorare l’accesso ad una sanità sostenibile e di alta qualità. Vediamo in questa collaborazione con il FAI una chiara comunanza di valori e di obiettivi. Crediamo inoltre che le aziende possano ricoprire un ruolo di primo piano nel contribuire a educare le nuove generazioni trasmettendo l’importanza dell’arte, della cultura e della storia, e assicurando a tutti, indistintamente, momenti di apprendimento e conoscenza. Confidiamo che questo progetto possa aiutare a dare un positivo contributo alla diffusione di questi valori».

Per scaricare le guide e per informazioni sul progetto “Bene FAI per tutti”
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te