ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
FORNI STORICI DELL’ANTICA MASSERIA DI CARAVITA DI CERCOLA

FORNI STORICI DELL’ANTICA MASSERIA DI CARAVITA DI CERCOLA

CERCOLA, NAPOLI

2,938°

POSTO

4

VOTI 2022
FORNI STORICI DELL’ANTICA MASSERIA DI CARAVITA DI CERCOLA
Caravita si trova a Cercola, una cittadina situata alle falde del Vesuvio, conosciuta in tempi antichi come la Taverna della Cerqua, che sorgeva in quei fertili territori vesuviani e che tra il XVII e XVIII secolo si arricchirono di splendide ville e ridenti case di delizia, appartenenti alle famiglie della nobiltà napoletana e non. Famiglie come i Capece Piscitelli, i Carafa di Stigliano, i De Campora, i Caravita di Sirignano, i Filangieri d’Arianiello e tante altre, abitarono queste residenze che, ancora oggi, impreziosiscono il patrimonio architettonico storico locale. Caravita rientrava tra i possedimenti del nobile Tommaso Caravita dal quale prende il nome e che nel XVII secolo vi costruì la sua casa palazziata. Tali possedimenti includevano una Masseria di notevoli dimensioni dove numerosi coloni si occupavano di tutte le attività della campagna e numerosi erano i forni che vi sorgevano all’interno, dei quali, ben cinque, ancora oggi, sussistono lungo le vie di Caravita; due di essi, resi funzionanti grazie a interventi di recupero, vengono utilizzati da alcune signore in occasioni particolari o per cuocere i dolci e i rustici tipici delle feste pasquali e natalizie. Tali forni hanno assistito e resistito all’avvicendarsi degli eventi e degli uomini per diversi secoli, pertanto, non solo rappresentano una testimonianza storico-architettonica dell’Antica Masseria, ma costituiscono anche una stratificazione storico-sociale del luogo, un profondo legame culturale e identitario tra la comunità attuale e la sua lunga storia, un ponte tra l’anima delle comunità del passato e quella attuale, in quanto, la maggior parte delle persone che vi abitano sono native del luogo, sono figli dei coloni della Masseria e custodiscono ancora le memorie della loro infanzia e quelle dei racconti dei propri genitori e nonni, la cui vita era scandita, oltre che dal lavoro nella Masseria, dalla condivisione di storie e di calore, di fatiche e di ristoro, di speranza e di solidarietà che la comunità si raccontava quando si riuniva intorno ai forni per la cottura del pane quotidiano. Ancora oggi, quando in particolari occasioni si accendono i forni, la via si anima di una gioia primitiva, evocata da profumi e voci che risvegliano ricordi e legami affettivi. Alcune signore, native del luogo, come uno scrigno prezioso custodiscono un patrimonio culturale immateriale fatto di racconti, di tradizioni e di gesti antichi. Racconti di vite, ma anche di comunità, di pasta madre prestata da casa a casa, di pagnotte grandi per chi aveva avuto difficoltà a preparare il pane e di pagnottine piccole da donare e eventuali contadini di passaggio verso i campi, in segno di solidarietà e in nome del valore simbolico che univa il pane e gli uomini. Da due anni, con enorme entusiasmo, ci stanno tramandando le loro conoscenze, ci stanno insegnando a impastare il pane e a cuocerlo proprio in quei forni. Insieme a loro stiamo sperimentando la panificazione con grani antichi e stiamo coinvolgendo le scolaresche nel recupero di questo immenso e significativo patrimonio culturale. Restaurare i forni antichi significa recuperare la storia del luogo e dei suoi abitanti. Attraverso il restauro i forni potrebbero essere resi fruibili dalla comunità e si potrebbero avviare dei percorsi culturali che coinvolgano anche le nuove generazioni, per valorizzare e mantenere viva la memoria storica di Caravita e della sua comunità, negli anni e nelle generazioni a venire.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

96° Posto

4,174 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

12,018°
1 voto

Edificio civile

MASSERIA DAVINO PASQUALE

CERCOLA, NAPOLI

11,898°
1 voto

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZETTO DELLO SPROT

CERCOLA, NAPOLI

NC
0 voti

Edificio civile

ISTITUTO COMPRENSIVO MATILDE SERAO

VOLLA, NAPOLI

Vota altri luoghi simili

1,440 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,271 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

1,013 voti

Area urbana, piazza

VILLAGGIO OPERAIO DI CRESPI D'ADDA

CAPRIATE SAN GERVASIO, BERGAMO

766 voti

Chiesa

COMPLESSO DI SAN FRANCESCO DELLA VIGNA

VENEZIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

FORNI STORICI DELL’ANTICA MASSERIA DI CARAVITA DI CERCOLA

CERCOLA, NAPOLI

FORNI STORICI DELL’ANTICA MASSERIA DI CARAVITA DI CERCOLA
Caravita si trova a Cercola, una cittadina situata alle falde del Vesuvio, conosciuta in tempi antichi come la Taverna della Cerqua, che sorgeva in quei fertili territori vesuviani e che tra il XVII e XVIII secolo si arricchirono di splendide ville e ridenti case di delizia, appartenenti alle famiglie della nobiltà napoletana e non. Famiglie come i Capece Piscitelli, i Carafa di Stigliano, i De Campora, i Caravita di Sirignano, i Filangieri d’Arianiello e tante altre, abitarono queste residenze che, ancora oggi, impreziosiscono il patrimonio architettonico storico locale. Caravita rientrava tra i possedimenti del nobile Tommaso Caravita dal quale prende il nome e che nel XVII secolo vi costruì la sua casa palazziata. Tali possedimenti includevano una Masseria di notevoli dimensioni dove numerosi coloni si occupavano di tutte le attività della campagna e numerosi erano i forni che vi sorgevano all’interno, dei quali, ben cinque, ancora oggi, sussistono lungo le vie di Caravita; due di essi, resi funzionanti grazie a interventi di recupero, vengono utilizzati da alcune signore in occasioni particolari o per cuocere i dolci e i rustici tipici delle feste pasquali e natalizie. Tali forni hanno assistito e resistito all’avvicendarsi degli eventi e degli uomini per diversi secoli, pertanto, non solo rappresentano una testimonianza storico-architettonica dell’Antica Masseria, ma costituiscono anche una stratificazione storico-sociale del luogo, un profondo legame culturale e identitario tra la comunità attuale e la sua lunga storia, un ponte tra l’anima delle comunità del passato e quella attuale, in quanto, la maggior parte delle persone che vi abitano sono native del luogo, sono figli dei coloni della Masseria e custodiscono ancora le memorie della loro infanzia e quelle dei racconti dei propri genitori e nonni, la cui vita era scandita, oltre che dal lavoro nella Masseria, dalla condivisione di storie e di calore, di fatiche e di ristoro, di speranza e di solidarietà che la comunità si raccontava quando si riuniva intorno ai forni per la cottura del pane quotidiano. Ancora oggi, quando in particolari occasioni si accendono i forni, la via si anima di una gioia primitiva, evocata da profumi e voci che risvegliano ricordi e legami affettivi. Alcune signore, native del luogo, come uno scrigno prezioso custodiscono un patrimonio culturale immateriale fatto di racconti, di tradizioni e di gesti antichi. Racconti di vite, ma anche di comunità, di pasta madre prestata da casa a casa, di pagnotte grandi per chi aveva avuto difficoltà a preparare il pane e di pagnottine piccole da donare e eventuali contadini di passaggio verso i campi, in segno di solidarietà e in nome del valore simbolico che univa il pane e gli uomini. Da due anni, con enorme entusiasmo, ci stanno tramandando le loro conoscenze, ci stanno insegnando a impastare il pane e a cuocerlo proprio in quei forni. Insieme a loro stiamo sperimentando la panificazione con grani antichi e stiamo coinvolgendo le scolaresche nel recupero di questo immenso e significativo patrimonio culturale. Restaurare i forni antichi significa recuperare la storia del luogo e dei suoi abitanti. Attraverso il restauro i forni potrebbero essere resi fruibili dalla comunità e si potrebbero avviare dei percorsi culturali che coinvolgano anche le nuove generazioni, per valorizzare e mantenere viva la memoria storica di Caravita e della sua comunità, negli anni e nelle generazioni a venire.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te