ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
EX COLONIA PENALE DI CASTIADAS

EX COLONIA PENALE DI CASTIADAS

CASTIADAS, CAGLIARI

585°

POSTO

10

VOTI
Condividi
EX COLONIA PENALE DI CASTIADAS
Fonte: www.comune.castiadas.ca.it
Nella metà dell'800, il Ministero dell'interno decise di Istituire a Castiadas una Colonia Penale agricola, con il duplice obiettivo di far scontare la pena ai detenuti per i delitti commessi e nello stesso tempo bonificare una zona malsana e paludosa che da anni era abbandonata. Provenienti dalla Casa Penale di San Bartolomeo, l'11 agosto 1875, 30 detenuti sbarcarono nella solitaria spiaggia di Cala Sinzias per inoltrarsi nella fitta boscaglia. Alla guida del Cavalier Eugenio Cicognani, Ispettore Generale delle Carceri, la schiera di forzati, dopo un lungo vagare per luoghi ignoti si fermò e stabilì la prima dimora sulla collina detta Praidis, compresa tra due fiumicelli: Gutturu Frasca e Baccu Sa Figu. Qui, nel 1877 ebbe inizio la costruzione della Colonia Penale di Castiadas dalle capanne in legno si passò ad edifici di pregevole fattura; vennero realizzate la casa della direzione e le abitazioni degli impiegati e dei militari, successivamente il pronto soccorso, la farmacia, l'ospedale, la stazione telefonica e la centrale elettrica. Altri fabbricati sparsi sul territorio servivano ai reclusi nelle loro attività agro - pastorali. I detenuti, infatti, ottennero ottimi risultati sia in agricoltura sia in pastorizia, con l'allevamento di bestiame selezionato, la coltivazione di vigne, agrumeti, grano, cereali e legumi. La colonia arrivò ad ospitare una popolazione di oltre 1000 unità che contribuirono in maniera determinante alla trasformazione del territorio. Eseguita la bonifica, il R.D. del 30 novembre 1933 dispose il trasferimento dei detenuti in altre colonie e i relativi terreni all'Ente di Colonizzazione Ferrarese. I primi interventi dell'Ente Ferrarese risalgono al 1947 con la realizzazione di alcune piccole strutture pubbliche. La Colonia Penale cessò di esistere soltanto nel 1952.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

585° Posto

10 Voti
Censimento 2020

6,573° Posto

22 Voti
Censimento 2018

1,925° Posto

44 Voti
Censimento 2016

3,852° Posto

16 Voti
Censimento 2014

1,773° Posto

19 Voti
Censimento 2012

576° Posto

23 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

586°
9 voti

Area naturale

FORESTA DI MINNIMINNI

CASTIADAS, CAGLIARI

592°
3 voti

Costa, area marina, spiaggia

SPIAGGIA DI SAN PIETRO MARINA

CASTIADAS, CAGLIARI

582°
13 voti

Area archeologica

MENHIR CUILI PIRAS

MURAVERA, CAGLIARI

592°
3 voti

Costa, area marina, spiaggia

CALA PIRA,CASTIADAS

CASTIADAS, CAGLIARI

Scopri altri luoghi simili

469°
126 voti

Carcere

EX CARCERE DI SANT'AGATA

BERGAMO

541°
54 voti

Carcere

CARCERE DI CAPRAIA

CAPRAIA ISOLA, LIVORNO

550°
45 voti

Carcere

CARCERE BORBONICO

SIRACUSA

575°
20 voti

Carcere

EX CARCERE S.FRANCESCO

PARMA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

EX COLONIA PENALE DI CASTIADAS

CASTIADAS, CAGLIARI

Condividi
EX COLONIA PENALE DI CASTIADAS
Fonte: www.comune.castiadas.ca.it
Nella metà dell'800, il Ministero dell'interno decise di Istituire a Castiadas una Colonia Penale agricola, con il duplice obiettivo di far scontare la pena ai detenuti per i delitti commessi e nello stesso tempo bonificare una zona malsana e paludosa che da anni era abbandonata. Provenienti dalla Casa Penale di San Bartolomeo, l'11 agosto 1875, 30 detenuti sbarcarono nella solitaria spiaggia di Cala Sinzias per inoltrarsi nella fitta boscaglia. Alla guida del Cavalier Eugenio Cicognani, Ispettore Generale delle Carceri, la schiera di forzati, dopo un lungo vagare per luoghi ignoti si fermò e stabilì la prima dimora sulla collina detta Praidis, compresa tra due fiumicelli: Gutturu Frasca e Baccu Sa Figu. Qui, nel 1877 ebbe inizio la costruzione della Colonia Penale di Castiadas dalle capanne in legno si passò ad edifici di pregevole fattura; vennero realizzate la casa della direzione e le abitazioni degli impiegati e dei militari, successivamente il pronto soccorso, la farmacia, l'ospedale, la stazione telefonica e la centrale elettrica. Altri fabbricati sparsi sul territorio servivano ai reclusi nelle loro attività agro - pastorali. I detenuti, infatti, ottennero ottimi risultati sia in agricoltura sia in pastorizia, con l'allevamento di bestiame selezionato, la coltivazione di vigne, agrumeti, grano, cereali e legumi. La colonia arrivò ad ospitare una popolazione di oltre 1000 unità che contribuirono in maniera determinante alla trasformazione del territorio. Eseguita la bonifica, il R.D. del 30 novembre 1933 dispose il trasferimento dei detenuti in altre colonie e i relativi terreni all'Ente di Colonizzazione Ferrarese. I primi interventi dell'Ente Ferrarese risalgono al 1947 con la realizzazione di alcune piccole strutture pubbliche. La Colonia Penale cessò di esistere soltanto nel 1952.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te