ISCRIVITI A -10€
FAI per il clima

FAI per il clima

Anche noi facciamo la nostra parte

Condividi
    Insieme a #salvailsuolo e #salvalacqua il FAI rafforza la campagna di sensibilizzazione e attivazione sul tema urgentissimo del cambiamento climatico: #faiperilclima. Un programma di iniziative per diffondere conoscenza a partire dalla pratica del lavoro del FAI nei suoi Beni, dove la crisi ambientale si tocca con mano.

    Si avvicina il prossimo appuntamento con l’annuale conferenza ONU sul cambiamento climatico (COP27), che quest’anno si terrà in Egitto a Sharm El-Sheikh dal 7 al 18 novembre 2022. Ancora una volta i capi di Stato di 197 Paesi sono chiamati a decidere come agire per arrestare e mitigare il riscaldamento globale. La crisi climatica è una priorità per i governi di tutto il mondo, ma tutti dobbiamo sapere e tutti possiamo agire, perché gli effetti sempre più evidenti e drammatici del riscaldamento globale riguardano la nostra vita e l’ambiente in cui viviamo, di cui siamo parte attiva e responsabile.

    Il FAI continua a fare la sua parte con la campagna #faiperilclima: seguiremo da vicino i lavori della COP27 e racconteremo lo svolgimento con news sui canali web del FAI. Il 21 novembre, a conclusione della conferenza il FAI ne commenterà gli esiti e le prospettive, coinvolgendo autorevoli esperti in un incontro webinar aperto a tutti, che verrà trasmesso in diretta da Casa Bortoli, Bene FAI a Venezia, città simbolo del cambiamento climatico.

    Il cuore dell’iniziativa sono le visite speciali organizzate nei Beni FAI: climatologi, geologi, botanici, zoologi, pedologi, agronomi e altri esperti incontrano il pubblico per condividere la loro conoscenza calandola in precisi contesti territoriali; i partecipanti vengono così invitati a osservare e toccare con mano gli effetti concretissimi del cambiamento climatico sugli ambienti di cui il FAI si prende cura, illustrando strategie e progetti di adattamento e mitigazione, già avviati o futuri, dai grandi lavori alle buone pratiche che tutti possiamo e dobbiamo adottare.

    La varietà straordinaria dei Beni FAI, dalle Alpi alla Sardegna, dai pascoli alle zone umide, dal Negozio Olivetti in Piazza San Marco a Venezia al Giardino della Kolymbethra nella Valle dei Templi di Agrigento, consente di approfondire i diversi effetti del cambiamento climatico che minaccia gli ecosistemi naturali, la biodiversità e le colture tradizionali, ma anche i paesaggi urbani e i monumenti storici: la salute dell’ambiente e la nostra.

    La grande varietà di temi, contestualizzati sui territori, e la ricchezza di competenze coinvolte in queste iniziative permette al FAI di costruire un quadro d’insieme in costante evoluzione da cui emerge la connessione tra le più diverse attività umane e le criticità ambientali in relazione al cambiamento climatico e di conoscere le molteplici competenze che investono, nei più diversi campi del sapere, in conoscenza e ricerca.

    Scopri come il FAI si è attivato durante la COP26 di novembre 2021
    Scopri le campagne del FAI
    #salvailsuolo
    Il suolo è la pelle del nostro pianeta. Quel sottile strato superiore della crosta terrestre che rappresenta l’interfaccia fra terra, aria e acqua. Aiutaci a proteggere questo bene comune, risorsa non rinnovabile fondamentale per la vita di tutti noi.
    #salvalacqua
    L'acqua è il principale elemento presente sulla superficie terrestre e il costituente fondamentale degli organismi viventi. Aiutaci a sensibilizzare sul valore di questa risorsa essenziale per l'umanità.
    Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
    Tutto questo non sarebbe possibile senza di te