ISCRIVITI AL FAI
La vegetazione di origine antropica

La vegetazione di origine antropica

#faiperilclima

Condividi
La vegetazione di origine antropica
Visite guidate speciali Appuntamento a cura di BOSCO DI SAN FRANCESCO

ACCESSO LIBERO DA GREEN PASS

In base alle disposizioni del D.L. 24/2022, dal 1 aprile 2022 l'accesso a tutti i Beni FAI è libero da Green Pass. Non è più richiesto il possesso del Green Pass rafforzato, né di quello base. Resta l'obbligo di utilizzo di mascherine al chiuso. I bambini di età inferiore ai sei anni non hanno l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione

Dopo #salvailsuolo e #salvalacqua il FAI lancia una nuova campagna di sensibilizzazione e attivazione sul tema urgentissimo del cambiamento climatico: #faiperilclima.

Domenica 7 Novembre 2021

Nei Beni, climatologi, geologi, botanici, zoologi e altri esperti guideranno il pubblico a osservare e toccare con mano gli effetti concretissimi del cambiamento climatico sugli ambienti di cui il FAI si prende cura, e illustreranno strategie e progetti di adattamento e mitigazione, già avviati o futuri, dai grandi lavori alle buone pratiche che tutti possiamo e dobbiamo adottare.

Al Bosco di San Francesco una passeggiata guidata dal prof. Aldo Ranfa, ricercatore dell'Università degli Studi di Perugia, condurrà all’osservazione del paesaggio agricolo e forestale del Bosco, per scoprire sul campo l’impatto dei cambiamenti climatici sulla vegetazione naturale e di origine antropica, come gli oliveti, e quali azioni possono essere introdotte per contrastarne gli effetti. Le ondate di calore, opposte a eventi meteorologici di estrema violenza, ormai caratterizzano anche l’Umbria impattando, ad esempio, sulla biosfera e contribuendo all’invasione di specie aliene invasive nella flora spontanea e autoctona.
Queste variazioni portano ad anticipi o ritardi nei vari stadi di sviluppo delle piante coltivate, sia vegetativi che riproduttivi, causando alterazioni sulla quantità della produzione e qualità del prodotto, in particolare per le specie fruttifere più comuni nel nostro ambiente mediterraneo o submediterraneo, come gli olivi e le piante da frutto presenti nel Bene del FAI.
Per far fronte ai cambiamenti in atto, è nato il progetto europeo LIFE CLIVUT - Valore climatico degli alberi in città dell’Università degli Studi di Perugia - con la partecipazione di quattro città pilota dell’area mediterranea per sviluppare una Strategia per il Verde Urbano finalizzata alla mitigazione e adattamento al Cambiamento Climatico.  Il progetto sviluppa un approccio ecosistemico basato sulla partecipazione dei cittadini all’ideazione e alla sperimentazione di strumenti per la pianificazione e gestione del Verde Urbano e il ripristino di relazioni funzionali e strutturali tra aree verdi urbane e periurbane. Questo modello può essere replicato anche nelle zone rurali.

Aldo Ranfa è Ricercatore confermato in Botanica Ambientale ed Applicata presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell'Università di Perugia. La sua attività di ricerca è incentrata sulla botanica ambientale applicata, ecologia del paesaggio, verde pubblico e privato, verde storico e geobotanica. È socio della Società Botanica Italiana dal 1987 e membro dell'Accademia dei Georgofili dal 2014, dal 1998 al 2002 ha ricoperto il ruolo di Curatore dell'Orto botanico dell'Università di Perugia, ideando diverse manifestazioni didattico-divulgative su tematiche naturalistico-ambientali mirate alla salvaguardia della diversità biologica. È autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali ed internazionali.

Info pratiche

Inizio della visita alle ore 11 presso il Complesso di Santa Croce, durata 90 minuti

orari

ore 11, durata 90 minuti

biglietti

Intero € 10
Iscritti FAI e Ridotto € 8
Per info e prenotazioni: 075 813157 - faiboscoassisi@fondoambiente.it

COME ARRIVARE

In auto
Dalla Superstrada E45 Cesena-Orte: seguire le indicazioni per Assisi (SS 75) e poi uscire a Ospedalicchio Sud (SS 147).
Arrivati ad Assisi, in fondo al rettilineo, imboccare via San Vittorino fino alle indicazioni dei parcheggi per le autovetture presso il Complesso benedettino di Santa Croce, nel navigatore impostare Parcheggio di Santa Croce.
Altro possibile ingresso, appositamente segnalato, dalla piazza della Basilica Superiore di San Francesco.

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te