Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VILLA GAMBARINI CAGNOLA GIAVAZZI - MUNICIPIO DI VERDELLO | ph. FAI | © FAI - Fondo Ambiente Italiano

VILLA GAMBARINI CAGNOLA GIAVAZZI - MUNICIPIO DI VERDELLO

VERDELLO, BERGAMO

834°

POSTO

33

VOTI 2020
Condividi
VILLA GAMBARINI CAGNOLA GIAVAZZI - MUNICIPIO DI VERDELLO
Villa Gambarini - Cagnola - Giavazzi venne fatta edificare da Carlo Maria Gambarini, a fine '700, su progetto probabilmente dell'architetto Giovanni Battista Capitanio, come villa di campagna. Di gusto neoclassico, la dimora passò alla famiglia Cagnola con il matrimonio dell'ultima erede dei Gambarini, Rosa, con Giovanni Battista Cagnola. Alla morte di questi, nel 1901, la villa fu acquistata da Giovanni Giavazzi e dai suoi figli, che l'abitarono sino al secondo conflitto mondiale, quando venne abbandonata. In seguito a profondi restauri, dal 1980 è sede del Comune di Verdello. Il grande parco, oggi pubblico, è di costruzione coeva alla villa, benchè numerosi siano stati i cambiamenti. Sono parte del progetto originario, elementi come l'ampia cancellata con le colonne di pietra che permette la vista sul vicino Santuario di Santa Maria Annunciata e la ben nota torre, una finta rovina medievale che contraddistingue l'inizio del parco.

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

834° Posto

33 Voti
Censimento 2018

10,422° Posto

8 Voti
Censimento 2016

16,946° Posto

3 Voti

Scopri altri luoghi vicini

847°
20 voti

Museo

MUSEO DEL TERRITORIO "LA FABBRICA SUL VIALE"

VERDELLO, BERGAMO

811°
56 voti

Santuario

SANTUARIO DI SANTA MARIA ANNUNCIATA

VERDELLO, BERGAMO

842°
25 voti

Santuario

SANTUARIO DELLA MADONNA DEL BAILINO

BAILINO-FORNACE, BERGAMO

655°
212 voti

Santuario

SANTUARIO DELLA MADONNA DELL'OLMO

VERDELLINO, BERGAMO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
VILLA GAMBARINI CAGNOLA GIAVAZZI - MUNICIPIO DI VERDELLO

VILLA GAMBARINI CAGNOLA GIAVAZZI - MUNICIPIO DI VERDELLO

VERDELLO, BERGAMO

Condividi
VILLA GAMBARINI CAGNOLA GIAVAZZI - MUNICIPIO DI VERDELLO
Villa Gambarini - Cagnola - Giavazzi venne fatta edificare da Carlo Maria Gambarini, a fine '700, su progetto probabilmente dell'architetto Giovanni Battista Capitanio, come villa di campagna. Di gusto neoclassico, la dimora passò alla famiglia Cagnola con il matrimonio dell'ultima erede dei Gambarini, Rosa, con Giovanni Battista Cagnola. Alla morte di questi, nel 1901, la villa fu acquistata da Giovanni Giavazzi e dai suoi figli, che l'abitarono sino al secondo conflitto mondiale, quando venne abbandonata. In seguito a profondi restauri, dal 1980 è sede del Comune di Verdello. Il grande parco, oggi pubblico, è di costruzione coeva alla villa, benchè numerosi siano stati i cambiamenti. Sono parte del progetto originario, elementi come l'ampia cancellata con le colonne di pietra che permette la vista sul vicino Santuario di Santa Maria Annunciata e la ben nota torre, una finta rovina medievale che contraddistingue l'inizio del parco.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2016
I Luoghi del Cuore
2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te