ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VALLONE DEI MULINI DI SORRENTO

VALLONE DEI MULINI DI SORRENTO

SORRENTO, NAPOLI

524°

POSTO

12

VOTI 2023
Condividi
VALLONE DEI MULINI DI SORRENTO
Valle della costiera sorrentina, deve il suo nome alla presenza di un mulino costruito intorno al 1600 che sfruttava il corso delle le acque del torrente della vallata per la macinazione del grano da vendere ed una segheria, che lavorava legna utilizzata dagli artigiani adiacenti ad esso, ed un lavatoio pubblico. La vallata si è formata circa trentacinquemila anni fa a causa di una potente eruzione dei Campi Flegrei, al quale si sono snodate due fonti d’acqua, dette “Sant’Antonio e Casarlano”, che attraverso l’erosione hanno gradualmente formato la grande cavità. A cavallo tra la prima metà del 1500, i valloni erano proprietà della famiglia Tasso, ma a seguire divennero proprietà della famiglia Correale. Dopo svariati secoli, arrivando al 1866, la zona dei mulini cadde in totale abbandono per due motivazioni: il crescente stato di disuso delle infrastrutture e della zona stessa (allora adoperata come cave di tufo, adatte al prelievo di blocchi adoperati poi per la costruzione di nuovi edifici a Sorrento) e soprattutto la costruzione di Piazza Tasso, che determinò un accumulo dell’acqua torrenziale, con conseguente allagamento e degradamento della condizione del microclima che, intanto, si stava sviluppando. Tale microclima, intensamente umido e totalmente riparato dalle correnti, permise lo sviluppo di felci ed altre specie di piante uniche e rare per il territorio. Ipotetici spazi di accesso al sito sono rappresentati da antiche rampe intagliate nel tufo accessibili da una botola nelle vicinanze del parcheggio Stragazzi, ed una galleria chiusa da un cancello, locata nel curvone (sottostante alla piazza) di Via Luigi Di Maio.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

524° Posto

12 Voti
Censimento 2020

16,035° Posto

8 Voti
Censimento 2018

9,238° Posto

9 Voti
Censimento 2016

6,171° Posto

10 Voti
Censimento 2014

6,122° Posto

3 Voti
Censimento 2003

1,865° Posto

1 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

535°
1 voto

Area naturale

PUNTA CAMPANELLA

SORRENTO, NAPOLI

NC
0 voti

Villa

VILLA DETTA DI POLLIO FELICE

SORRENTO, NAPOLI

NC
0 voti

Area naturale

BAIA DELLE SIRENE

SORRENTO, NAPOLI

NC
0 voti

Costa, area marina, spiaggia

BAIA DI PUOLO

SORRENTO, NAPOLI

Scopri altri luoghi simili

24°
4,831 voti

Mulino

MUSEO MULINO BELSITO

SAN GIOVANNI IN FIORE, COSENZA

211°
415 voti

Mulino

ECOMUSEO MULINO AL PIZZON

PIZZON, ROVIGO

299°
246 voti

Mulino

MULINO DEL CANTONE

MONZA, MONZA E DELLA BRIANZA

376°
160 voti

Mulino

VECCHIO MOLINO DI GORGONZOLA

GORGONZOLA, MILANO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VALLONE DEI MULINI DI SORRENTO

SORRENTO, NAPOLI

Condividi
VALLONE DEI MULINI DI SORRENTO
Valle della costiera sorrentina, deve il suo nome alla presenza di un mulino costruito intorno al 1600 che sfruttava il corso delle le acque del torrente della vallata per la macinazione del grano da vendere ed una segheria, che lavorava legna utilizzata dagli artigiani adiacenti ad esso, ed un lavatoio pubblico. La vallata si è formata circa trentacinquemila anni fa a causa di una potente eruzione dei Campi Flegrei, al quale si sono snodate due fonti d’acqua, dette “Sant’Antonio e Casarlano”, che attraverso l’erosione hanno gradualmente formato la grande cavità. A cavallo tra la prima metà del 1500, i valloni erano proprietà della famiglia Tasso, ma a seguire divennero proprietà della famiglia Correale. Dopo svariati secoli, arrivando al 1866, la zona dei mulini cadde in totale abbandono per due motivazioni: il crescente stato di disuso delle infrastrutture e della zona stessa (allora adoperata come cave di tufo, adatte al prelievo di blocchi adoperati poi per la costruzione di nuovi edifici a Sorrento) e soprattutto la costruzione di Piazza Tasso, che determinò un accumulo dell’acqua torrenziale, con conseguente allagamento e degradamento della condizione del microclima che, intanto, si stava sviluppando. Tale microclima, intensamente umido e totalmente riparato dalle correnti, permise lo sviluppo di felci ed altre specie di piante uniche e rare per il territorio. Ipotetici spazi di accesso al sito sono rappresentati da antiche rampe intagliate nel tufo accessibili da una botola nelle vicinanze del parcheggio Stragazzi, ed una galleria chiusa da un cancello, locata nel curvone (sottostante alla piazza) di Via Luigi Di Maio.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te