ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SITO ARCHEOLOGICO DI CAPO DON

SITO ARCHEOLOGICO DI CAPO DON

RIVA LIGURE, IMPERIA

848°

POSTO

19

VOTI 2020
Condividi
SITO ARCHEOLOGICO DI CAPO DON
Il sito archeologico di Capo Don è situato sul limite occidentale di quello che oggi è il comune di Riva ligure. Occupa una fascia costiera pianeggiante non ancora ben delimitata, che si estende dal mare fin quasi alle pendici del Monte Grange. Il sito è stato oggetto di scavi a partire dal 1937 da parte del noto archeologo Nino Lamboglia. Dopo alcune indagini eseguite negli anni ‘80 e ‘90, gli scavi proseguono, dal 2009 ad oggi, ad opera del Pontificio Istituto di archeologia Cristiana (in regime di concessione), in collaborazione con la Soprintendenza per i beni archeologici della Liguria e il comune di Riva Ligure e sotto la direzione scientifica del prof. Philippe Pergola. Il sito archeologico di Capo Don mostra le tracce di una frequentazione che risale al periodo preromano, si può definire un sito pluristratificato. A pochi metri dal limite Ovest di questo sito, si estendeva anticamente il torrente Tabia, odierno torrente Argentina, oggi spostatosi più ad Ovest di qualche centinaio di metri. Le indagini archeologiche permettono di ipotizzare un uso a scopo commerciale di un approdo alla foce del torrente Tabia già a partire dalla seconda età del ferro, quando è sicuramente attivo un sito di altura sul versante interno del Monte Grange, successivamente occupato da una villa romana in parte scavata con scavo stratigrafico e in parte indagata con delle trincee nella parte sopra strada. La villa risulta databile al II o I secolo a. C. e per essa si può ipotizzare una continuità insediativa che va fino al III o IV secolo d. C. A partire dal 2009 sono state indagate le aree circostanti la basilica e sono state rinvenute tracce di piccole attività artigianali di lavorazione del vetro, ceramica e metalli, a lato di quello che sembra essere un asse viario che va in direzione Est-Ovest. Gli scavi del 2014 hanno permesso di confermare l’identificazione di una stazione di sosta con l’importante approdo commerciale di Costa Balenae, del quale si fa menzione nelle cartografie antiche (es. Itinerario Marittimo, tabula Peutingeriana), e che grazie allo studio dei materiali si è scoperto avere rapporti commerciali con tutta l’area mediterranea, il Piemonte oltre che la zona dell’entroterra ligure e delle Alpi Marittime. La mansio di Costa Balenae è attiva almeno dal I secolo a. C. al VII secolo d. C. come si può vedere dai molti resti ceramici provenienti da tutto il mondo mediterraneo. L’edificio di culto paleocristiano venne alla luce per la prima volta nel 1839, durante gli sterri per l’allargamento dell’attuale Via Aurelia. Il ritrovamento del battistero da parte di Nino Lamboglia nella campagna di scavo del 1937 permette di datare la prima fase della costruzione della basilica al VI secolo; il fonte battesimale è poco posteriore nella costruzione all’identico fonte del battistero di Albenga. Il primo impianto doveva essere a tre navate, scandite da pilastri, con abside ad andamento esterno poligonale; presentava tre ingressi posizionati lungo il lato settentrionale e non in facciata, evidentemente per l’attrazione costituita dal passaggio, immediatamente a monte dell’edificio, di una viabilità principale, individuata a partire dal 2009. Una seconda fase edilizia ha comportato la progressiva chiusura della navata Nord e la sua trasformazione in spazio funerario, occupato da un sepolcreto con tombe di varia tipologia che, sulla base dei rari elementi di corredo e di una epigrafe funeraria di età bizantina (stele di Maria), poi reimpiegata in una pavimentazione, raggiunse almeno il VII secolo. Ad oggi le sepolture indagate sul sito di Capo Don sono più di 50 ma il lavoro che spetta agli archeologi è ancora lungo e necessita di finanziamenti per il futuro. Il sito di Capo Don è un tassello di grande importanza per lo studio della Liguria preromana, romana e medievale, aiutateci a scoprirlo e a valorizzarlo.

Gallery

Scheda completa al 65%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

848° Posto

19 Voti
Censimento 2018

6,414° Posto

13 Voti
Censimento 2016

6,867° Posto

9 Voti
Censimento 2014

2,079° Posto

15 Voti
Censimento 2012

5,264° Posto

3 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

858°
9 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO DI RIVA LIGURE

RIVA LIGURE, IMPERIA

861°
6 voti

Santuario

SANTUARIO DELLA MADONNA DEL BUONCONSIGLIO

RIVA LIGURE, IMPERIA

862°
5 voti

Area naturale

CARRUGI

SANTO STEFANO AL MARE, IMPERIA

857°
10 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTO STEFANO AL MARE

SANTO STEFANO AL MARE, IMPERIA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

SITO ARCHEOLOGICO DI CAPO DON

RIVA LIGURE, IMPERIA

Condividi
SITO ARCHEOLOGICO DI CAPO DON
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te