ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ROCCA MALATESTIANA FELTRESCA

ROCCA MALATESTIANA FELTRESCA

FOSSOMBRONE, PESARO E URBINO

1,599°

POSTO

13

VOTI 2022
Condividi
ROCCA MALATESTIANA FELTRESCA
La Rocca di Fossombrone è situata nella parte più alta della città in posizione strategica per dominare tutta la vallata del Metauro. Fu edificata dallo Stato pontificio alla fine del XIII sec. in forma quadrangolare, con quattro torrioni poligonali agli angoli e così rimase anche sotto il successivo dominio dei Malatesta. Nel 1444 Federico da Montefeltro la acquistò insieme alla città e pochi anni dopo il fortilizio subì diverse trasformazioni che lo resero più rispondente alle mutate esigenze belliche dovute alla comparsa della bombarda. Il torrione medievale di sud-ovest fu trasformato in baluardetto a punta, forma che ancor oggi conserva. Successivamente, intorno al 1470, Francesco di Giorgio Martini inserì l'imponente "caput carenato", un raro esempio applicato di rivellino. Questo tipo di costruzione, unico nel Montefeltro, descritto dall'architetto senese nel "codice Magliabechiano", è presente solo in altre fortificazioni toscane (Sarzanello e Poggio Imperiale) e pugliesi (Monte S. Angelo). Nel 1502 Guidobaldo da Montefeltro, per evitare che la rocca cadesse nelle mani di Cesare Borgia, ne ordinò la demolizione. Gli scavi effettuati negli anni 1968-1971 presso la rocca, hanno riportato alla luce i muri di scarpa del lato occidentale, la base del torrione crollato a est e la parte sepolta del "caput carenato" con le feritoie per il tiro radente, le sale voltate, i servizi ed i cunicoli di collegamento.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

8,322° Posto

17 Voti
Censimento 2018

4,111° Posto

20 Voti
Censimento 2016

9,889° Posto

6 Voti
Censimento 2014

3,866° Posto

6 Voti
Censimento 2012

5,260° Posto

3 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

NC
0 voti

Tipologia di transito

CORTE BASSA

FOSSOMBRONE, PESARO E URBINO

NC
0 voti

Palazzo storico, dimora storica

CORTE BASSA

FOSSOMBRONE, PESARO E URBINO

3,340°
7 voti

Palazzo storico, dimora storica

CORTE ALTA PALAZZO DUCALE

FOSSOMBRONE, PESARO E URBINO

NC
0 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO LATTANZI

FOSSOMBRONE, PESARO E URBINO

Vota altri luoghi simili

3,375 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI.

NAPOLI

2,069 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

2,015 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,747 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ROCCA MALATESTIANA FELTRESCA

FOSSOMBRONE, PESARO E URBINO

Condividi
ROCCA MALATESTIANA FELTRESCA
La Rocca di Fossombrone è situata nella parte più alta della città in posizione strategica per dominare tutta la vallata del Metauro. Fu edificata dallo Stato pontificio alla fine del XIII sec. in forma quadrangolare, con quattro torrioni poligonali agli angoli e così rimase anche sotto il successivo dominio dei Malatesta. Nel 1444 Federico da Montefeltro la acquistò insieme alla città e pochi anni dopo il fortilizio subì diverse trasformazioni che lo resero più rispondente alle mutate esigenze belliche dovute alla comparsa della bombarda. Il torrione medievale di sud-ovest fu trasformato in baluardetto a punta, forma che ancor oggi conserva. Successivamente, intorno al 1470, Francesco di Giorgio Martini inserì l'imponente "caput carenato", un raro esempio applicato di rivellino. Questo tipo di costruzione, unico nel Montefeltro, descritto dall'architetto senese nel "codice Magliabechiano", è presente solo in altre fortificazioni toscane (Sarzanello e Poggio Imperiale) e pugliesi (Monte S. Angelo). Nel 1502 Guidobaldo da Montefeltro, per evitare che la rocca cadesse nelle mani di Cesare Borgia, ne ordinò la demolizione. Gli scavi effettuati negli anni 1968-1971 presso la rocca, hanno riportato alla luce i muri di scarpa del lato occidentale, la base del torrione crollato a est e la parte sepolta del "caput carenato" con le feritoie per il tiro radente, le sale voltate, i servizi ed i cunicoli di collegamento.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te