Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PASTICCERIA KLAINGUTI

PASTICCERIA KLAINGUTI

GENOVA

852°

POSTO

15

VOTI 2020
PASTICCERIA KLAINGUTI
Entrarci era come mettere un piede nella storia, indietro di due secoli, fino al 1828, quando in piazza Soziglia i quattro fratelli Klainguti, pasticceri svizzeri di Pontresina, giunti a Genova per imbarcarsi per l’America in cerca di fortuna, aprono la loro bottega. Il locale è fasciato da una boiserie avorio, verde e oro in cui sono stati inseriti nel 1988 pannelli decorativi di Attilio Mangini – sensibile artista con studio a due passi dal caffè – con scorci della città, specchi, stucchi, lampadari che accolgono in un largo abbraccio “vagamente rococò” e ricordano atmosfere da Belle Epoque. Il locale è ora gestito dalla famiglia Ubaldi, con la sua insegna in “caratteri gotici”, le sue poltroncine dalle sedute rosse. I Klainguti hanno lasciato varie specialità: la torta Engadina, la torta Zena, la sacripantina che si affiancano ai delicati pasticcini, alle gelatine di frutta, ai quaresimali e a mille altre golosità. Oltre al rito dell’aperitivo si può anche pranzare nelle sale al piano superiore o ai tavolini all’aperto nel variopinto “traffico” dei carruggi. Salotto culturale per la buona società cittadina, viene frequentato da Giuseppe Verdi per il quale i Klainguti creano una particolare brioche chiamata Falstaff. Verdi ringrazia con un biglietto incorniciato sopra il bancone dei dolci: .

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

852° Posto

15 Voti

Scopri altri luoghi vicini

847°
20 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO AGOSTINO DE FRANCHI

GENOVA

822°
45 voti

Museo

GALLERIA DI PALAZZO SPINOLA

GENOVA

836°
31 voti

Museo

MUSEI DI STRADA NUOVA: PALAZZO TURSI

GENOVA

844°
23 voti

Museo

MUSEI DI STRADA NUOVA: PALAZZO ROSSO

GENOVA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PASTICCERIA KLAINGUTI

GENOVA

PASTICCERIA KLAINGUTI
Entrarci era come mettere un piede nella storia, indietro di due secoli, fino al 1828, quando in piazza Soziglia i quattro fratelli Klainguti, pasticceri svizzeri di Pontresina, giunti a Genova per imbarcarsi per l’America in cerca di fortuna, aprono la loro bottega. Il locale è fasciato da una boiserie avorio, verde e oro in cui sono stati inseriti nel 1988 pannelli decorativi di Attilio Mangini – sensibile artista con studio a due passi dal caffè – con scorci della città, specchi, stucchi, lampadari che accolgono in un largo abbraccio “vagamente rococò” e ricordano atmosfere da Belle Epoque. Il locale è ora gestito dalla famiglia Ubaldi, con la sua insegna in “caratteri gotici”, le sue poltroncine dalle sedute rosse. I Klainguti hanno lasciato varie specialità: la torta Engadina, la torta Zena, la sacripantina che si affiancano ai delicati pasticcini, alle gelatine di frutta, ai quaresimali e a mille altre golosità. Oltre al rito dell’aperitivo si può anche pranzare nelle sale al piano superiore o ai tavolini all’aperto nel variopinto “traffico” dei carruggi. Salotto culturale per la buona società cittadina, viene frequentato da Giuseppe Verdi per il quale i Klainguti creano una particolare brioche chiamata Falstaff. Verdi ringrazia con un biglietto incorniciato sopra il bancone dei dolci: .
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te