ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PARCO REGIONALE DEL CORVINO

PARCO REGIONALE DEL CORVINO

DIAMANTE, COSENZA

17,881°

POSTO

3

VOTI 2022
Condividi
PARCO REGIONALE DEL CORVINO
La Storia del Comune di Diamante è strettamente collegata alla storia del suo fiume, denominato sulle mappe del 1600, il Diamante e oggi Corvino, in quanto il fiume fu un tempo linea di demarcazione, poi di congiunzione, tra il territorio del Casale del Diamante e il feudo di Cirella. Se a tutto questo si aggiunge che il medesimo fiume il Diamante collega il Comune di Diamante, inteso come Diamante e Cirella, per quanto detto in precedenza, e Buonvicino, allora si comprende l’importanza che tale corso d’acqua rivesta nella geografia, e non solo, del territorio. La geografia, infatti, è la radice su cui si innesta lo sviluppo economico, e quindi culturale e sociale, di un comprensorio. Pertanto, le produzioni agricole e le loro trasformazioni, le quali nel tempo si sono succedute nel comprensorio adamantino (zucchero, uva passa, seta, cedro ecc.), debbono proprio alla presenza del fiume la loro rilevanza storica ed economica. Ma, forse, il nostro sguardo, sempre rivolto verso il mare, ha finito per ridimensionare la portata del fiume, nei nostri ricordi collettivi… Il torrente Corvino, un tempo chiamato il Diamante, nasce dalle montagne del Serrapodolo (Sarapotu, in vernacolo), nel territorio di Buonvicino e, dopo aver percorso circa 10 km, sfocia nel mare Tirreno, in Diamante. Una leggenda, citata dallo storico calabrese Leopoldo Pagano, racconta che, in questo luogo riparato ed ameno, i Focesi attraccassero le loro imbarcazioni per avviare scambi commerciali con le popolazioni indigene. Si tratterebbe del noto Portus Parthenius Phocensium, citato da Plinio il Vecchio, che gli esperti di Archeologia oggi preferiscono collocare a Cirella, alla foce del Torrente Vaccuta, non ritenendo autentica l’antica leggenda. Sembrerebbe, al contrario, abbastanza veritiera l’informazione che lungo il Diamante siano state ritrovate, nel 1800, vasi e monete di epoca romana, turine e metapontine. Ancora una volta, a darcene notizia è Leopoldo Pagano che testimonia l’utilizzo del luogo, in età antica, in funzione portuale e commerciale. Secondo un’altra narrazione, dopo l’anno Mille, alcuni naviganti amalfitani, alla ricerca di legname per la costruzione di navi, avrebbero utilizzato il fiume come punto di imbarco per i tronchi che provenivano dalle montagne di Buonvicino. Stabilitisi sulla collina, da loro denominata Malfitano, nei pressi della foce del fiume il Diamante , costruirono un mulino detto “il mulino del Corvo (u mulinu du curvu)”, perché negli anfratti dei suoi muri vi nidificavano neri corvi. Dal mulino, molti secoli dopo, il fiume avrebbe ricevuto il nome Corvino con cui ancora oggi è conosciuto. Ma è proprio così? Avremo modo di proporre un’altra ipotesi, forse non sufficientemente documentata, ma comunque suggestiva, che collega il mutamento del nome a Tiberio Carafa, in uno dei prossimi articoli. Infine, vi è una terza leggenda che collega tra loro le due diverse denominazioni del fiume e narra di un corvo che fece cadere, nelle acque gelide del torrente, un diamante trasportato nel becco. Il significato di questa leggenda è fortemente simbolico: al torrente Corvino, quasi trasformato in una creatura mitologica ed eziologica, si deve la fondazione del nucleo abitato che, già nelle carte topografiche del 1692, era indicato con il nome che ancora oggi lo identifica. Infatti è il corvo che fa cadere, dal suo becco, un diamante: la narrazione, per simboli ed immagini, di un atto di fondazione, di una nascita? Sembrerebbe di si. Non è un caso che sia proprio il Corvino a far nascere , sia pure simbolicamente, il Diamante, in quanto esso è la causa prima del popolamento del territorio e della sua graduale trasformazione in centro abitato. Infatti, la risorsa Acqua, fornita dal fiume, è fondamentale, in una economia prettamente rurale, sia per la produzione sia per l’attività di trasformazione dei prodotti agricoli, soprattutto in una fase storica ancora pre-industriale.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

28,627° Posto

3 Voti
Censimento 2018

18,916° Posto

4 Voti
Censimento 2016

11,565° Posto

5 Voti
Censimento 2014

3,208° Posto

8 Voti
Censimento 2006

1,655° Posto

2 Voti
Censimento 2003

1,865° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

8,127°
7 voti

Costa, area marina, spiaggia

BAIA DI CIRELLA E DIAMANTE

DIAMANTE, COSENZA

17,948°
3 voti

Costa, area marina, spiaggia

I LUNGOMARE DI DIAMANTE

DIAMANTE, COSENZA

Vota altri luoghi simili

4,912 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

27°
2,705 voti

Area naturale

IL NOSTRO CARSO-NAŠ KRAS

CARSO-KRAS, PROV. TRIESTE-, GORIZIA

28°
2,658 voti

Area naturale

ANTICA SALINA CAMILLONE

CERVIA, RAVENNA

33°
2,454 voti

Area naturale

VIA CRUCIS SULLA COLLINA DI SANTA CROCE

SAN DEMETRIO NE' VESTINI, L'AQUILA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PARCO REGIONALE DEL CORVINO

DIAMANTE, COSENZA

Condividi
PARCO REGIONALE DEL CORVINO
La Storia del Comune di Diamante è strettamente collegata alla storia del suo fiume, denominato sulle mappe del 1600, il Diamante e oggi Corvino, in quanto il fiume fu un tempo linea di demarcazione, poi di congiunzione, tra il territorio del Casale del Diamante e il feudo di Cirella. Se a tutto questo si aggiunge che il medesimo fiume il Diamante collega il Comune di Diamante, inteso come Diamante e Cirella, per quanto detto in precedenza, e Buonvicino, allora si comprende l’importanza che tale corso d’acqua rivesta nella geografia, e non solo, del territorio. La geografia, infatti, è la radice su cui si innesta lo sviluppo economico, e quindi culturale e sociale, di un comprensorio. Pertanto, le produzioni agricole e le loro trasformazioni, le quali nel tempo si sono succedute nel comprensorio adamantino (zucchero, uva passa, seta, cedro ecc.), debbono proprio alla presenza del fiume la loro rilevanza storica ed economica. Ma, forse, il nostro sguardo, sempre rivolto verso il mare, ha finito per ridimensionare la portata del fiume, nei nostri ricordi collettivi… Il torrente Corvino, un tempo chiamato il Diamante, nasce dalle montagne del Serrapodolo (Sarapotu, in vernacolo), nel territorio di Buonvicino e, dopo aver percorso circa 10 km, sfocia nel mare Tirreno, in Diamante. Una leggenda, citata dallo storico calabrese Leopoldo Pagano, racconta che, in questo luogo riparato ed ameno, i Focesi attraccassero le loro imbarcazioni per avviare scambi commerciali con le popolazioni indigene. Si tratterebbe del noto Portus Parthenius Phocensium, citato da Plinio il Vecchio, che gli esperti di Archeologia oggi preferiscono collocare a Cirella, alla foce del Torrente Vaccuta, non ritenendo autentica l’antica leggenda. Sembrerebbe, al contrario, abbastanza veritiera l’informazione che lungo il Diamante siano state ritrovate, nel 1800, vasi e monete di epoca romana, turine e metapontine. Ancora una volta, a darcene notizia è Leopoldo Pagano che testimonia l’utilizzo del luogo, in età antica, in funzione portuale e commerciale. Secondo un’altra narrazione, dopo l’anno Mille, alcuni naviganti amalfitani, alla ricerca di legname per la costruzione di navi, avrebbero utilizzato il fiume come punto di imbarco per i tronchi che provenivano dalle montagne di Buonvicino. Stabilitisi sulla collina, da loro denominata Malfitano, nei pressi della foce del fiume il Diamante , costruirono un mulino detto “il mulino del Corvo (u mulinu du curvu)”, perché negli anfratti dei suoi muri vi nidificavano neri corvi. Dal mulino, molti secoli dopo, il fiume avrebbe ricevuto il nome Corvino con cui ancora oggi è conosciuto. Ma è proprio così? Avremo modo di proporre un’altra ipotesi, forse non sufficientemente documentata, ma comunque suggestiva, che collega il mutamento del nome a Tiberio Carafa, in uno dei prossimi articoli. Infine, vi è una terza leggenda che collega tra loro le due diverse denominazioni del fiume e narra di un corvo che fece cadere, nelle acque gelide del torrente, un diamante trasportato nel becco. Il significato di questa leggenda è fortemente simbolico: al torrente Corvino, quasi trasformato in una creatura mitologica ed eziologica, si deve la fondazione del nucleo abitato che, già nelle carte topografiche del 1692, era indicato con il nome che ancora oggi lo identifica. Infatti è il corvo che fa cadere, dal suo becco, un diamante: la narrazione, per simboli ed immagini, di un atto di fondazione, di una nascita? Sembrerebbe di si. Non è un caso che sia proprio il Corvino a far nascere , sia pure simbolicamente, il Diamante, in quanto esso è la causa prima del popolamento del territorio e della sua graduale trasformazione in centro abitato. Infatti, la risorsa Acqua, fornita dal fiume, è fondamentale, in una economia prettamente rurale, sia per la produzione sia per l’attività di trasformazione dei prodotti agricoli, soprattutto in una fase storica ancora pre-industriale.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2006, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te