ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PALAZZO DEL RIVELLINO

PALAZZO DEL RIVELLINO

TUSCANIA, VITERBO

12,281°

POSTO

2

VOTI 2022
Condividi
PALAZZO DEL RIVELLINO
L'antico palazzo comunale di Tuscania è detto Palazzo del Rivellino. Fu innalzato durante il cosiddetto decennio ghibellino (1253 – 1263): si presentava come una costruzione fortificata, costituita da un palazzo, un cortile interno e una piazza d'armi, e realizzata sulle fondazioni di due grandi torri quadrate (datate nel XII – primi XIII secolo) appartenenti ad un primitivo palazzo di proprietà privata ma già utilizzato dal Comune nella prima metà del 1200.
Il palazzo fu sede del Consiglio e del Priore, verso la fine del XIII secolo, diventò residenza del Podestà; già alla fine del XIII secolo il Rettore del Patrimonio di San Pietro in Tuscia e la sua Curia trascorrevano l'inverno all'interno del palazzo pubblico di Tuscania. Nella metà del XIV secolo il complesso subì un'ulteriore ampliamento con  una recinzione fortificata esterna e di una cinta muraria delle sperone roccioso: in tal modo venne realizzata una piccola rocca forse voluta dal Governo Papale dopo che Giovanni di Vico riconquistò Tuscania nel 1348.
Nel 1493, a causa del degrado dell'edificio, il Podestà venne trasferito e alcuni anni dopo il sacco della retroguardia di Carlo VIII venne completamente abbandonato. Oggi il palazzo si presenta interamente distrutto fatta eccezione per il solo muro meridionale, caratterizzato da merlature ghibelline e da un camminamento perimetrale superiore al quale si accede tramite una torretta circolare su mensola (unico esempio del genere presente nel centro Italia).

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

9,937° Posto

14 Voti
Censimento 2018

10,392° Posto

8 Voti
Censimento 2016

2,087° Posto

29 Voti
Censimento 2014

639° Posto

65 Voti
Censimento 2012

3,489° Posto

4 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

15,727°
1 voto

Palazzo storico, dimora storica

TENUTA CARCARELLA

TUSCANIA, VITERBO

9,700°
2 voti

Convento

EX CONVENTO DI S. AGOSTINO

TUSCANIA, VITERBO

4,394°
6 voti

Chiesa

BASILICA DI SAN PIETRO IN TUSCANIA

TUSCANIA, VITERBO

Vota altri luoghi simili

3,554 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI.

NAPOLI

2,150 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

2,088 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,818 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PALAZZO DEL RIVELLINO

TUSCANIA, VITERBO

Condividi
PALAZZO DEL RIVELLINO
L'antico palazzo comunale di Tuscania è detto Palazzo del Rivellino. Fu innalzato durante il cosiddetto decennio ghibellino (1253 – 1263): si presentava come una costruzione fortificata, costituita da un palazzo, un cortile interno e una piazza d'armi, e realizzata sulle fondazioni di due grandi torri quadrate (datate nel XII – primi XIII secolo) appartenenti ad un primitivo palazzo di proprietà privata ma già utilizzato dal Comune nella prima metà del 1200.
Il palazzo fu sede del Consiglio e del Priore, verso la fine del XIII secolo, diventò residenza del Podestà; già alla fine del XIII secolo il Rettore del Patrimonio di San Pietro in Tuscia e la sua Curia trascorrevano l'inverno all'interno del palazzo pubblico di Tuscania. Nella metà del XIV secolo il complesso subì un'ulteriore ampliamento con  una recinzione fortificata esterna e di una cinta muraria delle sperone roccioso: in tal modo venne realizzata una piccola rocca forse voluta dal Governo Papale dopo che Giovanni di Vico riconquistò Tuscania nel 1348.
Nel 1493, a causa del degrado dell'edificio, il Podestà venne trasferito e alcuni anni dopo il sacco della retroguardia di Carlo VIII venne completamente abbandonato. Oggi il palazzo si presenta interamente distrutto fatta eccezione per il solo muro meridionale, caratterizzato da merlature ghibelline e da un camminamento perimetrale superiore al quale si accede tramite una torretta circolare su mensola (unico esempio del genere presente nel centro Italia).
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te