REGALA LA TESSERA
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
I PALU' DEL QUARTIER DEL PIAVE

I PALU' DEL QUARTIER DEL PIAVE

SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA, TREVISO

14,452°

POSTO

5

VOTI 2022
Condividi
I PALU' DEL QUARTIER DEL PIAVE
Il toponimo Palù che richiama l’antica presenza di una zona paludosa, indica un’area di circa 1000 ettari compresa tra i comuni di Sernaglia, Moriago, Vidor e Farra di Soligo. L’area è caratterizzata da una zona argillosa altimetricamente più bassa rispetto alle zone circostanti, questo crea una tendenza al ristagno di acque che vanno poi ad alimentare le falde freatiche e le risorgive delle fontane bianche. Il paesaggio costituito da una maglia di prati umidi, con fossati e piante perimetrali, è unico nel suo genere in Italia e in Europa. La zona era già frequentata nell’età del bronzo, vi sono ancora degli evidenti resti di un castelliere, e durante l’era Romana si sono verificati i primi interventi di assetto idraulico che poi si sono concretizzati con la bonifica che iniziò intorno al 1200 per opera dei frati benedettini della vicina abbazia di S. Bona di Vidor. Gli acquitrini furono trasformati in appezzamenti a prato, delimitati da fossi e da siepi perimetrali frangivento. Questa sistemazione permette l’utilizzo dell’area per la produzione di foraggio, di legname e legna da ardere. I Palù rappresentano una delle zone a campi chiusi meglio conservate in Veneto e nel nord Italia: nei prati umidi si osservano stupende fioriture primaverili di orchidee e di iris sibirica; nelle siepi e nelle macchie boscose si ammirano numerosi esemplari di farnia, la quercia autoctona tipica dell’antica foresta planiziale. L’avifauna è presente con specie rare, quali il tarabuso e il falco pellegrino. Ora si preferisce trasformare molti di questi prati in arboreti o tentare di immetterci coltivazioni come mais, soia, vigneti. Perdere l’essenza di un paesaggio come quello del Palù renderebbe i Veneti e gli Italiani più poveri, almeno spiritualmente.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

7,164° Posto

20 Voti
Censimento 2018

7,622° Posto

11 Voti
Censimento 2016

239° Posto

819 Voti
Censimento 2006

2,722° Posto

1 Voti
Censimento 2003

1,865° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

11,847°
8 voti

Area naturale

ISOLA DEI MORTI MORIAGO DELLA BATTAGLIA

MORIAGO DELLA BATTAGLIA, TREVISO

31,249°
2 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GALLO

FARRA DI SOLIGO, TREVISO

7,801°
12 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN VIGILIO

FARRA DI SOLIGO, TREVISO

22,899°
3 voti

Area naturale

COLLINA DI SAN GALLO

FARRA DI SOLIGO, TREVISO

Vota altri luoghi simili

13°
6,092 voti

Area naturale

IL NOSTRO CARSO-NAŠ KRAS

CARSO-KRAS, PROV. TRIESTE-, GORIZIA

15°
5,865 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

18°
5,052 voti

Area naturale

ANTICA SALINA CAMILLONE

CERVIA, RAVENNA

42°
2,972 voti

Area naturale

BASALTI COLONNARI DEL PARCO SAN MARCO

GAMBELLARA, VICENZA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

I PALU' DEL QUARTIER DEL PIAVE

SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA, TREVISO

Condividi
I PALU' DEL QUARTIER DEL PIAVE
Il toponimo Palù che richiama l’antica presenza di una zona paludosa, indica un’area di circa 1000 ettari compresa tra i comuni di Sernaglia, Moriago, Vidor e Farra di Soligo. L’area è caratterizzata da una zona argillosa altimetricamente più bassa rispetto alle zone circostanti, questo crea una tendenza al ristagno di acque che vanno poi ad alimentare le falde freatiche e le risorgive delle fontane bianche. Il paesaggio costituito da una maglia di prati umidi, con fossati e piante perimetrali, è unico nel suo genere in Italia e in Europa. La zona era già frequentata nell’età del bronzo, vi sono ancora degli evidenti resti di un castelliere, e durante l’era Romana si sono verificati i primi interventi di assetto idraulico che poi si sono concretizzati con la bonifica che iniziò intorno al 1200 per opera dei frati benedettini della vicina abbazia di S. Bona di Vidor. Gli acquitrini furono trasformati in appezzamenti a prato, delimitati da fossi e da siepi perimetrali frangivento. Questa sistemazione permette l’utilizzo dell’area per la produzione di foraggio, di legname e legna da ardere. I Palù rappresentano una delle zone a campi chiusi meglio conservate in Veneto e nel nord Italia: nei prati umidi si osservano stupende fioriture primaverili di orchidee e di iris sibirica; nelle siepi e nelle macchie boscose si ammirano numerosi esemplari di farnia, la quercia autoctona tipica dell’antica foresta planiziale. L’avifauna è presente con specie rare, quali il tarabuso e il falco pellegrino. Ora si preferisce trasformare molti di questi prati in arboreti o tentare di immetterci coltivazioni come mais, soia, vigneti. Perdere l’essenza di un paesaggio come quello del Palù renderebbe i Veneti e gli Italiani più poveri, almeno spiritualmente.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2006, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te