Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
FONTANA DELLE CENTO FONTANE

FONTANA DELLE CENTO FONTANE

TORRE DEL GRECO, NAPOLI

674°

POSTO

193

VOTI 2020
Condividi
FONTANA DELLE CENTO FONTANE
Monumento significativo per la nostra città, che raccoglie da secoli le acque di una sorgente naturale di acqua potabile alimentata dal fiume Dragone, il quale - stando ad antiche testimonianze raccolte dallo storico Francesco Balzano - aveva la sua origine alle radici del Vesuvio ed è stato completamente sommerso dalle numerose colate laviche che hanno interessato la storia locale. Il complesso di cui godiamo oggi risale originariamente al 1783, quando per incarico dell’Università (Torre del Greco) il rev. Don Gaetano De Bottis, con arditi scavi raccolse l’acqua dispersa e ne rintracciò dell’altra, convogliandola in nuovi e più idonei condotti. Fece poi costruire, in grottoni scavati nel muro di contenimento e nel terrapieno della rupe sotto il castello una prima fontana, architettonicamente decorosa, dotata di ventotto “cannuoli” e adibita per bere e fare provviste, ed una seconda con nuovi lavatoi comuni che doveva servire alle donne per lavare i panni. La lava dell’eruzione del 1974 la sommerse completamente distruggendola, ma l’Università riuscì, attraverso scavi nel sottosuolo a rintracciare nuovamente il corso d’acqua. Fu costruito un nuovo padiglione in fabbrica con cento “cannuoli” che versavano ininterrottamente l’acqua e con dei lavatoi, al quale si accedeva mediante uno scalone in discesa. Una nuova eruzione nel 1861 inaridì la fontana e si pensò successivamente di costruirne un’altra in una zona poco distante ma problemi logistici di pendenza non lo consentirono, sicché si decise di riattivare la vecchia fontana sotto il castello che, col padiglione architettonicamente ristrutturato e abbellito, fu inaugurata nel 1879. Testimonianza dunque della storia ma anche della vita sociale della nostra Torre del Greco e della sua antropologia. Dopo decenni di degrado e abbandono nel 2009 il complesso è stato restituito alla città dopo un’opera di restauro che ha riportato decoro ad una zona che ospita l’antico Palazzo di Città, oggi sede istituzionale del Comune di Torre del Greco.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

674° Posto

193 Voti
Censimento 2018

22,790° Posto

3 Voti
Censimento 2016

11,616° Posto

5 Voti
Censimento 2014

7,826° Posto

2 Voti
Censimento 2003

539° Posto

3 Voti

Scopri altri luoghi vicini

835°
32 voti

Edificio civile

VILLA DELLE GINESTRE

TORRE DEL GRECO, NAPOLI

848°
19 voti

Chiesa

CHIESA SANTA MARIA DI COSTANTINOPOLI

TORRE DEL GRECO, NAPOLI

833°
34 voti

Museo

MUSEO DEL CORALLO – ISTITUTO “FRANCESCO DEGNI”

TORRE DEL GRECO, NAPOLI

838°
29 voti

Palazzo storico, dimora storica

VILLA MATARAZZO

TORRE DEL GRECO, NAPOLI

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

FONTANA DELLE CENTO FONTANE

TORRE DEL GRECO, NAPOLI

Condividi
FONTANA DELLE CENTO FONTANE
Monumento significativo per la nostra città, che raccoglie da secoli le acque di una sorgente naturale di acqua potabile alimentata dal fiume Dragone, il quale - stando ad antiche testimonianze raccolte dallo storico Francesco Balzano - aveva la sua origine alle radici del Vesuvio ed è stato completamente sommerso dalle numerose colate laviche che hanno interessato la storia locale. Il complesso di cui godiamo oggi risale originariamente al 1783, quando per incarico dell’Università (Torre del Greco) il rev. Don Gaetano De Bottis, con arditi scavi raccolse l’acqua dispersa e ne rintracciò dell’altra, convogliandola in nuovi e più idonei condotti. Fece poi costruire, in grottoni scavati nel muro di contenimento e nel terrapieno della rupe sotto il castello una prima fontana, architettonicamente decorosa, dotata di ventotto “cannuoli” e adibita per bere e fare provviste, ed una seconda con nuovi lavatoi comuni che doveva servire alle donne per lavare i panni. La lava dell’eruzione del 1974 la sommerse completamente distruggendola, ma l’Università riuscì, attraverso scavi nel sottosuolo a rintracciare nuovamente il corso d’acqua. Fu costruito un nuovo padiglione in fabbrica con cento “cannuoli” che versavano ininterrottamente l’acqua e con dei lavatoi, al quale si accedeva mediante uno scalone in discesa. Una nuova eruzione nel 1861 inaridì la fontana e si pensò successivamente di costruirne un’altra in una zona poco distante ma problemi logistici di pendenza non lo consentirono, sicché si decise di riattivare la vecchia fontana sotto il castello che, col padiglione architettonicamente ristrutturato e abbellito, fu inaugurata nel 1879. Testimonianza dunque della storia ma anche della vita sociale della nostra Torre del Greco e della sua antropologia. Dopo decenni di degrado e abbandono nel 2009 il complesso è stato restituito alla città dopo un’opera di restauro che ha riportato decoro ad una zona che ospita l’antico Palazzo di Città, oggi sede istituzionale del Comune di Torre del Greco.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te