ISCRIVITI A -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CIMITERO MONUMENTALE

CIMITERO MONUMENTALE

CALTAGIRONE, CATANIA

563°

POSTO

32

VOTI
Condividi
CIMITERO MONUMENTALE
Nel 1852, Don Pasquale Gravina, un nobile calatino, invitò l'architetto Giovan Battista Filippo Basile a realizzare un progetto per il camposanto di Caltagirone, ma il piano realizzato da costui non ebbe seguito, perciò nel 1866 la progettazione venne affidata all'architetto Giovan Battista Nicastro che due anni prima aveva realizzato il Palazzo di Città. Nel 1875 i lavori erano già in stadio avanzato e si presentava come è nei tempi odierni ad eccezione della chiesa centrale. Il complesso, realizzato in stile gotico-siciliano, ha pianta quadrata con croce greca costituita da 170 arcate, che vanno a formare i portici che costituiscono le quattro vie principali. L'architetto Nicastro utilizzò materiali facilmente reperibili in Sicilia, quali la pietra bianca del ragusano, la pietra lavica e la terracotta, per la quale fu richiesta l'opera di: Enrico Vella, Giuseppe Di Bartolo e Gioacchino Alì. L'area del cimitero, inizialmente di ventimila metri quadrati, è stata in seguito notevolmente ampliata. Il cimitero è ricco di pitture, sculture, fregi e capitelli, che lo rendono monumento nazionale e meta di visitatori italiani e stranieri. Lungo l'asse nord-sud vi sono gli elementi più importanti: il portico d'ingresso, il Famedio, l'Ossario, interrato e posto al centro della croce greca nella piazza ottagonale. Vi sono diverse cappelle gentilizie liberty realizzate dall'architetto Saverio Fragapane.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

563° Posto

32 Voti
Censimento 2020

4,632° Posto

32 Voti
Censimento 2018

1,713° Posto

50 Voti
Censimento 2016

8,655° Posto

7 Voti
Censimento 2014

5,085° Posto

4 Voti
Censimento 2012

3,489° Posto

4 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

568°
27 voti

Giardino, parco urbano

GIARDINO PUBBLICO COMUNALE VITTORIO EMANUELE

CALTAGIRONE, CATANIA

582°
13 voti

Chiesa

CHIESA E CONVENTO DI SANTA MARIA DI GESÙ

CALTAGIRONE, CATANIA

582°
13 voti

Fontana

I "FONTANONI DELL' ACQUANOVA"

CALTAGIRONE, CATANIA

588°
7 voti

Fontana

LE FONTANE DELLA VILLA COMUNALE

CALTAGIRONE, CATANIA

Scopri altri luoghi simili

15°
13,468 voti

Cimitero

IL CIMITERO VECCHIO

SANTO STEFANO DI CAMASTRA, MESSINA

349°
263 voti

Cimitero

CIMITERO MONUMENTALE DI STAGLIENO

GENOVA

447°
148 voti

Cimitero

CIMITERO DEGLI INGLESI

FIRENZE

452°
143 voti

Cimitero

VECCHIO CIMITERO DELL'ADDOLORATA

FORNO DI ZOLDO, BELLUNO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CIMITERO MONUMENTALE

CALTAGIRONE, CATANIA

Condividi
CIMITERO MONUMENTALE
Nel 1852, Don Pasquale Gravina, un nobile calatino, invitò l'architetto Giovan Battista Filippo Basile a realizzare un progetto per il camposanto di Caltagirone, ma il piano realizzato da costui non ebbe seguito, perciò nel 1866 la progettazione venne affidata all'architetto Giovan Battista Nicastro che due anni prima aveva realizzato il Palazzo di Città. Nel 1875 i lavori erano già in stadio avanzato e si presentava come è nei tempi odierni ad eccezione della chiesa centrale. Il complesso, realizzato in stile gotico-siciliano, ha pianta quadrata con croce greca costituita da 170 arcate, che vanno a formare i portici che costituiscono le quattro vie principali. L'architetto Nicastro utilizzò materiali facilmente reperibili in Sicilia, quali la pietra bianca del ragusano, la pietra lavica e la terracotta, per la quale fu richiesta l'opera di: Enrico Vella, Giuseppe Di Bartolo e Gioacchino Alì. L'area del cimitero, inizialmente di ventimila metri quadrati, è stata in seguito notevolmente ampliata. Il cimitero è ricco di pitture, sculture, fregi e capitelli, che lo rendono monumento nazionale e meta di visitatori italiani e stranieri. Lungo l'asse nord-sud vi sono gli elementi più importanti: il portico d'ingresso, il Famedio, l'Ossario, interrato e posto al centro della croce greca nella piazza ottagonale. Vi sono diverse cappelle gentilizie liberty realizzate dall'architetto Saverio Fragapane.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te