Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA CATTEDRALE DI SAN LEOLUCA E VALENTIANUM

CHIESA CATTEDRALE DI SAN LEOLUCA E VALENTIANUM

VIBO VALENTIA

856°

POSTO

11

VOTI 2020
Condividi
CHIESA CATTEDRALE DI SAN LEOLUCA E VALENTIANUM
Il Duomo della città fu costruito tra il 1712 ed il 1766 dove prima sorgeva una chiesa probabilmente risalente al VIII sec. In essa, secondo la tradizione, fu sepolto il santo protettore della Città, San Leoluca. Fu l’unica chiesa scampata ai Saraceni che devastarono la città; danneggiata dai terremoti, per volere del Duca Ettore Pignatelli e degli abitanti, fu ricostruita più grande e consacrata nel 1766. Nell'altare maggiore vi è una bellissima statua della Madonna della Neve, attribuita al Gagini e proveniente dalla Cappella del Castello, andata distrutta. Nel Cappellone di sinistra vi è lo splendido Trittico del Gagini posto su un altare di marmo verde di Calabria. Il museo ospita il patrimonio storico-artistico del Duomo. Al suo interno vi sono i magnifici bronzi del Fanzago provenienti dalla Certosa di Serra, una Madonna del Gagini, reliquari, vasi sacri ed uno bel dipinto su tavola di S. Caterina, maestosa nel manto scuro. L'opera di maggior valore qui conservata nella Cappella del Purgatorio resta il celebre Trittico statuario rinascimentale di Antonello Gagini, eseguito fra il 1523 e il 1524.

Gallery

Scheda completa al 95%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

856° Posto

11 Voti
Censimento 2018

19,027° Posto

4 Voti
Censimento 2018

13,701° Posto

6 Voti
Censimento 2016

1,712° Posto

35 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

845°
22 voti

Area archeologica

QUARTIERE ROMANO: LE TERME, LE DOMUS, I MOSAICI

VIBO VALENTIA

863°
4 voti

Area archeologica

TEMPIO DEL BELVEDERE

VIBO VALENTIA

866°
1 voto

Area urbana, piazza

PIAZZA SAN LEOLUCA

VIBO VALENTIA

861°
6 voti

Area archeologica

ANTICHE MURA GRECHE

VIBO VALENTIA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA CATTEDRALE DI SAN LEOLUCA E VALENTIANUM

VIBO VALENTIA

Condividi
CHIESA CATTEDRALE DI SAN LEOLUCA E VALENTIANUM
Il Duomo della città fu costruito tra il 1712 ed il 1766 dove prima sorgeva una chiesa probabilmente risalente al VIII sec. In essa, secondo la tradizione, fu sepolto il santo protettore della Città, San Leoluca. Fu l’unica chiesa scampata ai Saraceni che devastarono la città; danneggiata dai terremoti, per volere del Duca Ettore Pignatelli e degli abitanti, fu ricostruita più grande e consacrata nel 1766. Nell'altare maggiore vi è una bellissima statua della Madonna della Neve, attribuita al Gagini e proveniente dalla Cappella del Castello, andata distrutta. Nel Cappellone di sinistra vi è lo splendido Trittico del Gagini posto su un altare di marmo verde di Calabria. Il museo ospita il patrimonio storico-artistico del Duomo. Al suo interno vi sono i magnifici bronzi del Fanzago provenienti dalla Certosa di Serra, una Madonna del Gagini, reliquari, vasi sacri ed uno bel dipinto su tavola di S. Caterina, maestosa nel manto scuro. L'opera di maggior valore qui conservata nella Cappella del Purgatorio resta il celebre Trittico statuario rinascimentale di Antonello Gagini, eseguito fra il 1523 e il 1524.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te