ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CERTOSA DI VIGODARZERE

CERTOSA DI VIGODARZERE

VIGODARZERE, PADOVA

692°

POSTO

67

VOTI 2022
Condividi
CERTOSA DI VIGODARZERE
I lavori iniziarono nel 1534, guidati dall'architetto Andrea Moroni, direttore degli infiniti lavori alla Basilica Benedettina di Santa Giustina. Proseguirono per circa trent'anni, guidati da Andrea Da Valle dopo la morte (1560) del Moroni. I certosini s'insediarono nel 1560, tuttavia furono sempre in numero assai ridotto rispetto alle potenzialità logistiche della struttura. La Certosa non ebbe mai un ruolo di primo piano nello scenario religioso veneziano. Nel 1768, causa un decreto della Repubblica, come tutti i monasteri con meno di dodici monaci venne soppressa ed i beni incamerati dalla Serenissima. Inizia così il lento ed inesorabile declino che vide l'imponente struttura ceduta a privati. Parti dell'edificio principale furono adattati a residenza di campagna dei marchesi Zugno, proprietari dal 1780. Altre strutture furono trasformate in fattoria e magazzini agricoli, sistemandovi dei mezzadri. Un'interea ala fu demolita e, nel frattempo, non mancarono atti di vandalismo e profanazioni. Ma i danni maggiori sono dovuti ai due eventi bellici. Nella prima guerra mondiale venne occupata quale caserma di retrovia, mentre nella seconda fu usata inizialmente come polveriera e, successivamente, come luogo di raccolta e sistemazione per gli sfollati a seguito dei bombardamenti di Padova. La Certosa è stata visitata da persone illustri, come Lord Bayron, l’importante poeta inglese.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

403° Posto

732 Voti
Censimento 2018

438° Posto

336 Voti
Censimento 2016

243° Posto

741 Voti
Censimento 2014

1,156° Posto

30 Voti
Censimento 2012

1,108° Posto

11 Voti
Censimento 2010

389° Posto

27 Voti
Censimento 2004

548° Posto

3 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

11,855°
5 voti

Area naturale

AREA NATURALISTICA DEL TAVELLO

LIMENA, PADOVA

15,738°
3 voti

Convento

CONVENTO DI SAN GIOVANNI DA VERDARA, ORA DISTRETTO MILITARE

PADOVA

Vota altri luoghi simili

4,831 voti

Monastero

CHIESA E MONASTERO DELLA SS. ANNUNZIATA

GENZANO DI LUCANIA, POTENZA

31°
2,518 voti

Monastero

EX-CONVENTO DEI CAPPUCCINI - MONASTERO DEL TERZO MILLENNIO

MESAGNE, BRINDISI

34°
2,397 voti

Monastero

CAMERA DELLA BADESSA (DEL CORREGGIO)

PARMA

125°
520 voti

Monastero

CHIESA E MONASTERO SANTA MARIA DELLA RIPA

FORLÌ, FORLI CESENA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CERTOSA DI VIGODARZERE

VIGODARZERE, PADOVA

Condividi
CERTOSA DI VIGODARZERE
I lavori iniziarono nel 1534, guidati dall'architetto Andrea Moroni, direttore degli infiniti lavori alla Basilica Benedettina di Santa Giustina. Proseguirono per circa trent'anni, guidati da Andrea Da Valle dopo la morte (1560) del Moroni. I certosini s'insediarono nel 1560, tuttavia furono sempre in numero assai ridotto rispetto alle potenzialità logistiche della struttura. La Certosa non ebbe mai un ruolo di primo piano nello scenario religioso veneziano. Nel 1768, causa un decreto della Repubblica, come tutti i monasteri con meno di dodici monaci venne soppressa ed i beni incamerati dalla Serenissima. Inizia così il lento ed inesorabile declino che vide l'imponente struttura ceduta a privati. Parti dell'edificio principale furono adattati a residenza di campagna dei marchesi Zugno, proprietari dal 1780. Altre strutture furono trasformate in fattoria e magazzini agricoli, sistemandovi dei mezzadri. Un'interea ala fu demolita e, nel frattempo, non mancarono atti di vandalismo e profanazioni. Ma i danni maggiori sono dovuti ai due eventi bellici. Nella prima guerra mondiale venne occupata quale caserma di retrovia, mentre nella seconda fu usata inizialmente come polveriera e, successivamente, come luogo di raccolta e sistemazione per gli sfollati a seguito dei bombardamenti di Padova. La Certosa è stata visitata da persone illustri, come Lord Bayron, l’importante poeta inglese.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te