Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CATTEDRALE SAN PELINO

CATTEDRALE SAN PELINO

CORFINIO, L'AQUILA

833°

POSTO

34

VOTI 2020
Condividi
CATTEDRALE SAN PELINO
la Cattedrale di San Pelino, sita al centro antico del paese. Si tratta di uno dei più importanti monumenti romanici d’Abruzzo, sorge sui resti dell’antica capitale italica. Nel suo interno vi è la cappella di Sant’ Alessandro e il suo campanile è stata la prima torre di guardia. Iniziata nel 1075 dal Vescovo Trasmondo, la sua costruzione fu interrotta nel 1092 e questa prima chiesa incompiuta, provvista del solo transetto absidato e priva di navate, fu dedicata a Sant’Alessandro. Contemporaneamente venne eretta la Torre a pianta quadrata necessaria per l’avvistamento e la difesa, considerando che era distante dal centro abitato. Forse fu lo stesso Trasmondo, o il successore Gualtiero, a cominciare i nuovi lavori portati a termine nel 1124. L’impianto della Basilica a tre navate presenta alcune novità in area meridionale: il transetto absidato e l’assenza della cripta. La facciata di pietra bianca longobarda, il portale benedettino . L’unico arredo che si nota al suo interno è l’ambone di pietra realizzato all’epoca del Vescovo Odorisio da Raiano (1168-88). Legato ancora ai moduli bizantini è il bassorilievo murato nella parete dell’abside sinistra e raffigurante la Madonna con Bambino riferibile al secolo XII ed all’ambito benedettino. Tra i dipinti murali più antichi conservati, ricordiamo l’affresco del duecento di San Benedetto. Passando nella Cappella di Sant’Alessandro notiamo due affreschi trecenteschi: uno raffigura Sant’Alessandro Papa benedicente, davanti ad un prezioso drappo sorretto da due angeli, l’altro è un polittico con i Santi Giovanni, Onofrio, Anatolia e Caterina d’Alessandria .

Gallery

Scheda completa al 95%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

833° Posto

34 Voti
Censimento 2018

6,969° Posto

12 Voti
Censimento 2016

9,917° Posto

6 Voti
Censimento 2010

2,584° Posto

2 Voti

Scopri altri luoghi vicini

839°
28 voti

Chiesa

BASILICA DI SAN PELINO, MUSEO CIVICO E PARCHI ARCHEOLOGICI

CORFINIO, L'AQUILA

853°
14 voti

Bosco

FOSSA DI PENTIMA

CORFINIO, L'AQUILA

859°
8 voti

Area naturale

PIANA DEI PRETI

CORFINIO, L'AQUILA

859°
8 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO

VITTORITO, L'AQUILA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CATTEDRALE SAN PELINO

CORFINIO, L'AQUILA

Condividi
CATTEDRALE SAN PELINO
la Cattedrale di San Pelino, sita al centro antico del paese. Si tratta di uno dei più importanti monumenti romanici d’Abruzzo, sorge sui resti dell’antica capitale italica. Nel suo interno vi è la cappella di Sant’ Alessandro e il suo campanile è stata la prima torre di guardia. Iniziata nel 1075 dal Vescovo Trasmondo, la sua costruzione fu interrotta nel 1092 e questa prima chiesa incompiuta, provvista del solo transetto absidato e priva di navate, fu dedicata a Sant’Alessandro. Contemporaneamente venne eretta la Torre a pianta quadrata necessaria per l’avvistamento e la difesa, considerando che era distante dal centro abitato. Forse fu lo stesso Trasmondo, o il successore Gualtiero, a cominciare i nuovi lavori portati a termine nel 1124. L’impianto della Basilica a tre navate presenta alcune novità in area meridionale: il transetto absidato e l’assenza della cripta. La facciata di pietra bianca longobarda, il portale benedettino . L’unico arredo che si nota al suo interno è l’ambone di pietra realizzato all’epoca del Vescovo Odorisio da Raiano (1168-88). Legato ancora ai moduli bizantini è il bassorilievo murato nella parete dell’abside sinistra e raffigurante la Madonna con Bambino riferibile al secolo XII ed all’ambito benedettino. Tra i dipinti murali più antichi conservati, ricordiamo l’affresco del duecento di San Benedetto. Passando nella Cappella di Sant’Alessandro notiamo due affreschi trecenteschi: uno raffigura Sant’Alessandro Papa benedicente, davanti ad un prezioso drappo sorretto da due angeli, l’altro è un polittico con i Santi Giovanni, Onofrio, Anatolia e Caterina d’Alessandria .
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te