ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
I SANTONI - SANTUARIO RUPESTRE DELLA DEA CIBELE

I SANTONI - SANTUARIO RUPESTRE DELLA DEA CIBELE

PALAZZOLO ACREIDE, SIRACUSA

487°

POSTO

44

VOTI 2022
Condividi
I SANTONI - SANTUARIO RUPESTRE DELLA DEA CIBELE
Cibele, la dea turrita il cui culto affonda nella notte dei tempi, potenza di donna che ha potere generativo e distruttivo sulla natura, la Magna Mater che intride, con la sua simbologia, tanto la cultura Occidentale quanto quella Orientale, è raffigurata nel più grande complesso monumentale noto al mondo e a lei dedicato. Questo sito, chiamato i Santoni, ha sede in Sicilia, a Palazzolo Acreide, sub-colonia siracusana nel 664 – 663 a.C con il nome di Akrai, oggi Comune inserito nella lista dei siti UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Dodici grandi rilievi, databili intorno al III sec. a.C., scolpiti su due gradoni rocciosi che occupano un prospetto di 30 metri, queste incisioni costituiscono la più grande testimonianza grafica dedicata al culto della dea Cibele. Eppure, questo eccezionale santuario rupestre rischia di scomparire. Il deterioramento della pietra e i danneggiamenti subiti nel corso dei secoli rendono oggi difficoltosa la lettura dei bassorilievi, che non si limitano a raffigurare la sola divinità. La singolarità del sito, infatti, risiede nella contemporanea presenza, a fianco della dea, di personaggi che numerose fonti letterarie, epigrafiche e monumentali indicano essere ad essa correlati. Una vera e propria sintesi delle iconografie e delle dottrine teologiche connesse al culto della Grande Madre. Per questo è necessario, ora più che mai, tutelare questo luogo e fare il possibile per non disperdere questa memoria. Cibele è il filo rosso che unisce l’umanità in un’unica grande genesi; bisogna che questo luogo sia vissuto e raccontato, perché qui tutta la storia dell’umanità ha il suo posto.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

167° Posto

2,613 Voti
Censimento 2020

37° Posto

2,613 Voti
Censimento 2018

6,948° Posto

12 Voti
Censimento 2016

5,628° Posto

11 Voti
Censimento 2014

666° Posto

61 Voti
Censimento 2004

748° Posto

2 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

2,020°
10 voti

Albero monumentale

VECCHIO PALMENTO

PALAZZOLO ACREIDE, SIRACUSA

510°
42 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN SEBASTIANO

PALAZZOLO ACREIDE, SIRACUSA

258°
83 voti

Area urbana, piazza

ACROPOLI E CENTRO STORICO BAROCCO DI PALAZZOLO ACREIDE

PALAZZOLO ACREIDE, SIRACUSA

Vota altri luoghi simili

3,365 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI.

NAPOLI

2,047 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

2,001 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,736 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

I SANTONI - SANTUARIO RUPESTRE DELLA DEA CIBELE

PALAZZOLO ACREIDE, SIRACUSA

Condividi
I SANTONI - SANTUARIO RUPESTRE DELLA DEA CIBELE
Cibele, la dea turrita il cui culto affonda nella notte dei tempi, potenza di donna che ha potere generativo e distruttivo sulla natura, la Magna Mater che intride, con la sua simbologia, tanto la cultura Occidentale quanto quella Orientale, è raffigurata nel più grande complesso monumentale noto al mondo e a lei dedicato. Questo sito, chiamato i Santoni, ha sede in Sicilia, a Palazzolo Acreide, sub-colonia siracusana nel 664 – 663 a.C con il nome di Akrai, oggi Comune inserito nella lista dei siti UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Dodici grandi rilievi, databili intorno al III sec. a.C., scolpiti su due gradoni rocciosi che occupano un prospetto di 30 metri, queste incisioni costituiscono la più grande testimonianza grafica dedicata al culto della dea Cibele. Una vera e propria sintesi delle iconografie e delle dottrine teologiche connesse al culto della Grande Madre.Cibele è il filo rosso che unisce l’umanità in un’unica grande genesi.bisogna che questo luogo sia vissuto e raccontato
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2020
I Luoghi del Cuore
2004, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te