REGALA LA TESSERA
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ALTINO, LA VENEZIA INVISIBILE

ALTINO, LA VENEZIA INVISIBILE

QUARTO D'ALTINO, VENEZIA

1,437°

POSTO

45

VOTI 2022
ALTINO, LA VENEZIA INVISIBILE
Altnoi per i Veneti antichi, Altinum ai tempi di Roma, oggi Altino. Come Venezia ma molti secoli prima di Venezia, fu una città lagunare importante, oggi è un borgo di campagna, racchiuso fra il Parco Regionale del fiume Sile e le acque della Laguna Nord, che conserva nel sottosuolo un patrimonio prezioso, i resti archeologici di una città grande come Aquileia, ricca come Pompei. Fin dal VII secolo a. C. fu il principale porto dei Veneti affacciato sull'Adriatico, con la costruzione della via Annia, intorno al 131 a.C., divenne di fatto una città romana e ottenne la cittadinanza tra il 49 ed il 42 a.C., diventando un Municipium iscritto alla tribù Scaptia. Altino, che ebbe fra i 20.000 e i 30.000 abitanti, era circondata e attraversata dall'acqua, era una città anfibia, dove ci si muoveva già fra ponti e barche, con un centro monumentale imponente, con le ville lussuose che gareggiavano con quelle di Baia cantate dal poeta Marziale, con una campagna florida alle spalle. E anche oggi è un patrimonio di ambienti e paesaggi, ricco di vita animale, un luogo di transizione fra laguna, barene, fiumi pensili e vasti terreni agricoli. Il foro, il teatro, l'odeon, la basilica, le terme, un anfiteatro grande come l'arena di Verona, le porte urbiche monumentali: le tracce della città antica che ha preceduto e generato Venezia sono ancora lì, sepolte sotto appena un velo di terra, nascoste fra i campi e le vie d'acqua, una grandezza della quale oggi ci parlano i reperti del Museo e Area Archeologica di Altino. Nonostante l'abbandono del sito, che avvenne in età tardo antica, e nonostante che le sue pietre e i suoi marmi siano stati reimpiegati nel corso dei secoli per costruire in laguna, Altino, la Venezia invisibile, è una presenza ricca di fascino. Immagine tratta da: Mozzi P., Fontana A., Ninfo F., Ferrarese F., Primon S., 2011. Nuove tecnologie per la ricostruzione della pianta della città: il telerilevamento di Altino.

Gallery

Altino
Altino
Altino
Altino

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

189° Posto

2,410 Voti
Censimento 2018

4,583° Posto

18 Voti
Censimento 2016

3,617° Posto

17 Voti
Censimento 2014

3,866° Posto

6 Voti
Censimento 2012

1,560° Posto

8 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

16,399°
5 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

CONCA DI PORTEGRANDI

QUARTO D ALTINO, VENEZIA

7,707°
12 voti

Abbazia

TORRE ANTICA E COMPLESSO ABBAZIALE BENEDETTINO DI TESSERA

VENEZIA

17,465°
4 voti

Area naturale

ZONA UMIDA DI SAN MICHELE VECCHIO

SAN MICHELE VECCHIO, VENEZIA

3,671°
21 voti

Area naturale

PALUDE DELLA ROSA A TORCELLO

VENEZIA

Vota altri luoghi simili

7,986 voti

Borgo

CASTELLO E BORGO MEDIEVALE

CREMOLINO, ALESSANDRIA

41°
3,030 voti

Borgo

PAESE DI CIVITA DI BAGNOREGIO

BAGNOREGIO, VITERBO

48°
2,783 voti

Borgo

BORGO MEDIEVALE E BOSCHI A FARNETTO DI COLLESTRADA

COLLESTRADA, PERUGIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ALTINO, LA VENEZIA INVISIBILE

QUARTO D'ALTINO, VENEZIA

ALTINO, LA VENEZIA INVISIBILE
Altnoi per i Veneti antichi, Altinum ai tempi di Roma, oggi Altino. Come Venezia ma molti secoli prima di Venezia, fu una città lagunare importante, oggi è un borgo di campagna, racchiuso fra il Parco Regionale del fiume Sile e le acque della Laguna Nord, che conserva nel sottosuolo un patrimonio prezioso, i resti archeologici di una città grande come Aquileia, ricca come Pompei. Fin dal VII secolo a. C. fu il principale porto dei Veneti affacciato sull'Adriatico, con la costruzione della via Annia, intorno al 131 a.C., divenne di fatto una città romana e ottenne la cittadinanza tra il 49 ed il 42 a.C., diventando un Municipium iscritto alla tribù Scaptia. Altino, che ebbe fra i 20.000 e i 30.000 abitanti, era circondata e attraversata dall'acqua, era una città anfibia, dove ci si muoveva già fra ponti e barche, con un centro monumentale imponente, con le ville lussuose che gareggiavano con quelle di Baia cantate dal poeta Marziale, con una campagna florida alle spalle. E anche oggi è un patrimonio di ambienti e paesaggi, ricco di vita animale, un luogo di transizione fra laguna, barene, fiumi pensili e vasti terreni agricoli. Il foro, il teatro, l'odeon, la basilica, le terme, un anfiteatro grande come l'arena di Verona, le porte urbiche monumentali: le tracce della città antica che ha preceduto e generato Venezia sono ancora lì, sepolte sotto appena un velo di terra, nascoste fra i campi e le vie d'acqua, una grandezza della quale oggi ci parlano i reperti del Museo e Area Archeologica di Altino. Nonostante l'abbandono del sito, che avvenne in età tardo antica, e nonostante che le sue pietre e i suoi marmi siano stati reimpiegati nel corso dei secoli per costruire in laguna, Altino, la Venezia invisibile, è una presenza ricca di fascino. Immagine tratta da: Mozzi P., Fontana A., Ninfo F., Ferrarese F., Primon S., 2011. Nuove tecnologie per la ricostruzione della pianta della città: il telerilevamento di Altino.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te