ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ABBAZIA DI MONTETIFFI

ABBAZIA DI MONTETIFFI

MONTETIFFI, FORLI CESENA

13,405°

POSTO

3

VOTI 2022
Condividi
ABBAZIA DI MONTETIFFI
La chiesa di San Leonardo fu costruita nell’XI secolo dai capifamiglia del borgo di Montetiffi sulla cima della rupe dove probabilmente si trovava un precedente luogo di culto; ipotesi sostenuta dal fatto che diversi elementi decorativi all’interno sembrano essere state riutilizzate da diverse costruzioni. Pochi anni dopo la sua costruzione, la chiesa fu donata all’Ordine Benedettino, diventando così parte di un’abbazia grazie all’estensione sul lato sud della rupe. Realizzata in stile romanico, presenta una struttura unica nel suo genere: un atrio piuttosto grande precede la navata unica, accessibile tramite gli scalini che dividono i due ambienti; il transetto non è perpendicolare alla navata, bensì ruotato verso sud-est, con un abside interamente rivolto ad ovest. La copertura a volta in pietra concia si integra ad una volta a capriate in legno, testimone di un crollo passato. Altri elementi sono frutto dei cambiamenti apportati nei secoli: le due cappelle laterali a metà navata, la cantoria in legno dipinto e l’altare maggiore in scagliola dipinta. Due epigrafi datate, 1120 e 1334, ricordano le vicende dell’Abbazia: rispettivamente la dedica ai santi su un cippo d’altare e la celebrazione dei lavori di restauro commissionati dall’Abate Bartolo, presumibilmente in seguito ad alcuni scontri con i vicini abitanti di San Leo. Nella parte sinistra del transetto, rimangono dei pregevoli affreschi tre-quattrocenteschi con rappresentazioni di numerosi santi. La fine del periodo abbaziale, a metà del XV secolo, fa sì che la chiesa passi, dopo alcune vicissitudini, ai conti Guidi di Bagno di Montebello. Di questo periodo rimangono alcuni elementi apportati da diversi commendatari, come il fonte battesimale seicentesco posto in entrata, le viae crucis, i confessionali in legno e la campana che tutt’ora viene suonata a mano e che, si narra, era al tempo udibile fin dal Ponte di Tiberio di Rimini.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

3,660° Posto

41 Voti
Censimento 2018

18,916° Posto

4 Voti
Censimento 2016

8,655° Posto

7 Voti
Censimento 2014

2,949° Posto

9 Voti
Censimento 2012

5,260° Posto

3 Voti
Censimento 2004

88° Posto

113 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

7,929°
5 voti

Fiume, torrente, lago

PONTE ROMANICO DI MONTETIFFI

SOGLIANO AL RUBICONE, FORLI CESENA

21,010°
2 voti

Area naturale

RONTAGNANO

SOGLIANO AL RUBICONE, FORLI CESENA

676°
51 voti

Chiesa

CHIESA DI PADERNO

MERCATO SARACENO, FORLI CESENA

27,773°
1 voto

Area naturale

BOSCO DI UFFOGLIANO

NOVAFELTRIA, RIMINI

Vota altri luoghi simili

5,034 voti

Abbazia

CHIESETTA DI SAN PIETRO DEI SAMARI NEL PARCO DI GALLIPOLI

GALLIPOLI, LECCE

56°
718 voti

Abbazia

ABBAZIA DELLA SACRA DI SAN MICHELE

SANT'AMBROGIO DI TORINO, TORINO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ABBAZIA DI MONTETIFFI

MONTETIFFI, FORLI CESENA

Condividi
ABBAZIA DI MONTETIFFI
La chiesa di San Leonardo fu costruita nell’XI secolo dai capifamiglia del borgo di Montetiffi sulla cima della rupe dove probabilmente si trovava un precedente luogo di culto; ipotesi sostenuta dal fatto che diversi elementi decorativi all’interno sembrano essere state riutilizzate da diverse costruzioni. Pochi anni dopo la sua costruzione, la chiesa fu donata all’Ordine Benedettino, diventando così parte di un’abbazia grazie all’estensione sul lato sud della rupe. Realizzata in stile romanico, presenta una struttura unica nel suo genere: un atrio piuttosto grande precede la navata unica, accessibile tramite gli scalini che dividono i due ambienti; il transetto non è perpendicolare alla navata, bensì ruotato verso sud-est, con un abside interamente rivolto ad ovest. La copertura a volta in pietra concia si integra ad una volta a capriate in legno, testimone di un crollo passato. Altri elementi sono frutto dei cambiamenti apportati nei secoli: le due cappelle laterali a metà navata, la cantoria in legno dipinto e l’altare maggiore in scagliola dipinta. Due epigrafi datate, 1120 e 1334, ricordano le vicende dell’Abbazia: rispettivamente la dedica ai santi su un cippo d’altare e la celebrazione dei lavori di restauro commissionati dall’Abate Bartolo, presumibilmente in seguito ad alcuni scontri con i vicini abitanti di San Leo. Nella parte sinistra del transetto, rimangono dei pregevoli affreschi tre-quattrocenteschi con rappresentazioni di numerosi santi. La fine del periodo abbaziale, a metà del XV secolo, fa sì che la chiesa passi, dopo alcune vicissitudini, ai conti Guidi di Bagno di Montebello. Di questo periodo rimangono alcuni elementi apportati da diversi commendatari, come il fonte battesimale seicentesco posto in entrata, le viae crucis, i confessionali in legno e la campana che tutt’ora viene suonata a mano e che, si narra, era al tempo udibile fin dal Ponte di Tiberio di Rimini.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te