ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore: presentazione del volume “Tarquinia. La tomba degli scudi”

I Luoghi del Cuore: presentazione del volume “Tarquinia. La tomba degli scudi”

Condividi
I Luoghi del Cuore: presentazione del volume “Tarquinia. La tomba degli scudi”
Dal territorio

30 settembre 2021

Domenica 3 ottobre, sarà presentato al pubblico il volume frutto dello studio che ha fatto seguito ai restauri alla Tomba degli Scudi, realizzati nell’ambito dei Luoghi del Cuore

Domenica 3 ottobre, alle ore 11, presso la Sala Comunale di Tarquinia (VT) sarà presentato al pubblico il volume “Tarquinia. La Tomba degli Scudi”, realizzato grazie al contributo del Comune di Tarquinia e frutto di uno studio preliminare e delle osservazioni che hanno fatto seguito al complesso lavoro di restauro – durato due anni – che ha interessato la camera centrale della Tomba degli Scudi, gioiello artistico del IV secolo a.C. nella necropoli etrusca dei Monterozzi a Tarquinia.

Il volume contiene i contributi di Maria Donatella Gentili e Lorella Maneschi, che ne hanno anche curato l’edizione e si sono occupate degli aspetti storico, iconografico ed iconologico, nonché delle restauratrici Maria Cristina Tomassetti e Chiara Arrighi e della microbiologa Teresa Rinaldi.

LA TOMBA DEGLI SCUDI

Straordinaria tomba etrusca ipogea, scoperta nel 1870 e databile al 340 a.C., è parte della Necropoli dei Monterozzi, dal 2004 patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO.

Costituita da una grande camera centrale e da due vani laterali che comunicano con la stanza principale attraverso porte e finestre, si tratta di una delle tombe più importanti del sito. La decorazione ad affresco della camera centrale rappresenta i componenti dell’aristocratica famiglia Velcha ritratti durante un banchetto nell’Aldilà; la camera destinata alla sepoltura del committente è decorata con iscrizioni in etrusco e grandi scudi dipinti sulle pareti, da cui il nome del sepolcro.

LA PARTECIPAZIONE A I LUOGHI DEL CUORE

Nel 2014 la Tomba degli Scudi è stata votata da 5.681 persone in occasione della settima edizione de I Luoghi del Cuore, il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare, promosso dal FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Un gesto d’amore collettivo che ha acceso i riflettori su questo luogo dal valore speciale per la comprensione della cultura e della lingua etrusche che versava da anni in precario stato di conservazione.

A seguito di questo risultato, è stato realizzato tra il 2016 e il 2018 l’intervento di restauro grazie al contributo di 24.500 euro assegnato da FAI e Intesa Sanpaolo e al cofinanziamento della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale, a cui si sono aggiunti altri piccoli contributi ricevuti da partner locali.

Questo ha permesso ai dipinti murali e alle rare epigrafi in lingua etrusca che decorano questo importante sepolcro gentilizio di età ellenistica di tornare a splendere.

LA PRESENTAZIONE DEL VOLUME

In occasione dell’evento, presenteranno il volume Elena Calandra, Direttrice dell’Istituto Centrale per Archeologia del Ministero della Cultura, e Claudia Carlucci, etruscologa della Sapienza Università di Roma.

Tra gli altri, interverranno anche il Soprintendente Margherita Eichberg e il funzionario archeologo Daniele Federico Maras della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale; Martina Tosoni, Assessore alla Cultura del Comune di Tarquinia; Giuseppe Morganti, presidente Fai Regione Lazio; Lorella Maneschi, Capodelegazione FAI Viterbo.

Alle ore 15.30 la Tomba degli Scudi sarà aperta straordinariamente a tutti i partecipanti con la guida del personale della Soprintendenza e successivamente, il monumento rimarrà accessibile al pubblico dalle 16.30 fino alle 19.00.

Green pass e prenotazione obbligatori.
Contatti: sabap-vt-em.tarquinia@beniculturali.it
viterbo@delegazionefai.fondoambiente.it – tel. 3383211268

Loading
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te