ISCRIVITI A -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VILLA ROMANA DI CASELETTE

VILLA ROMANA DI CASELETTE

CASELETTE, TORINO

492°

POSTO

44

VOTI 2023
VILLA ROMANA DI CASELETTE
La villa romana di Caselette è stata messa in luce soltanto in parte, a causa del differente stato di conservazione delle sue strutture, del dilavamento naturale, dello spietramento per usi agricoli moderni e come poligono militare. L’edificio doveva occupare un’area di circa m 46 x 60, ma non è ancora chiaro se tutti i lati del quadrilatero fossero occupati da ambienti, definendo un’area libera centrale (m 30 x 39,50) che doveva fungere da cortile e disimpegno. Si tratta, anche in questo caso, di una villa con funzioni residenziali, costruita agli inizi dell’età imperiale (I secolo d.C.) e vissuta sino al collasso del sistema economico e politico romano (IV-V secolo d.C.) per un dominus (o il suo procuratore) al centro di grandi proprietà terriere, che dovevano comprendere non solo le pendici montane, con i loro boschi e pascoli, ma anche porzioni di terreno pianeggiante, destinate a essere colture cerealicole. Il settore meglio conservato è quello settentrionale, dove si dovevano concentrare gli ambienti residenziali e gli spazi di rappresentanza, aperto verso il cortile sottostante con un colonnato in laterizio. Le strutture conservate appartengono allo zoccolo delle murature, realizzate in pietre legate con malta, mentre nella parte superiore dobbiamo immaginare un largo impiego di argilla cruda e legno. I pavimenti sono in battuto di malta con scaglie di opale (dalle vicine cave di magnesite) o in cocciopesto. La manica meridionale doveva essere aperta verso la corte con un portico analogo a quello settentrionale, ma le strutture sono assai meno conservate. Alcuni degli ambienti individuati presentano tracce di impianti di riscaldamento a pavimento e piccole vasche, facendo pensare a un piccolo impianto termale.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

535° Posto

1 Voti
Censimento 2022

492° Posto

44 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

520°
16 voti

Castello, rocca

CASTELLO CAYS DI CASELETTE

CASELETTE, TORINO

514°
22 voti

Area naturale

MASSO ERRATICO DI PIETRA ALTA

CASELETTE, TORINO

527°
9 voti

Area naturale

MONTE MUSINÈ

CASELETTE, TORINO

531°
5 voti

Borgo

ALPIGNANO

ALPIGNANO, TORINO

Scopri altri luoghi simili

59°
2,358 voti

Area archeologica

TORRE DI CASTIGLIONE

CONVERSANO, BARI

66°
2,173 voti

Area archeologica

MONTE ACUZIANO, ORATORIO DI SAN MARTINO E CHIESA NUOVA

FARA IN SABINA, RIETI

67°
2,142 voti

Area archeologica

LA VALLE DEI TEMPLI

AGRIGENTO

75°
1,767 voti

Area archeologica

CRIPTA DI SANT'EUSEBIO

PAVIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VILLA ROMANA DI CASELETTE

CASELETTE, TORINO

VILLA ROMANA DI CASELETTE
La villa romana di Caselette è stata messa in luce soltanto in parte, a causa del differente stato di conservazione delle sue strutture, del dilavamento naturale, dello spietramento per usi agricoli moderni e come poligono militare. L’edificio doveva occupare un’area di circa m 46 x 60, ma non è ancora chiaro se tutti i lati del quadrilatero fossero occupati da ambienti, definendo un’area libera centrale (m 30 x 39,50) che doveva fungere da cortile e disimpegno. Si tratta, anche in questo caso, di una villa con funzioni residenziali, costruita agli inizi dell’età imperiale (I secolo d.C.) e vissuta sino al collasso del sistema economico e politico romano (IV-V secolo d.C.) per un dominus (o il suo procuratore) al centro di grandi proprietà terriere, che dovevano comprendere non solo le pendici montane, con i loro boschi e pascoli, ma anche porzioni di terreno pianeggiante, destinate a essere colture cerealicole. Il settore meglio conservato è quello settentrionale, dove si dovevano concentrare gli ambienti residenziali e gli spazi di rappresentanza, aperto verso il cortile sottostante con un colonnato in laterizio. Le strutture conservate appartengono allo zoccolo delle murature, realizzate in pietre legate con malta, mentre nella parte superiore dobbiamo immaginare un largo impiego di argilla cruda e legno. I pavimenti sono in battuto di malta con scaglie di opale (dalle vicine cave di magnesite) o in cocciopesto. La manica meridionale doveva essere aperta verso la corte con un portico analogo a quello settentrionale, ma le strutture sono assai meno conservate. Alcuni degli ambienti individuati presentano tracce di impianti di riscaldamento a pavimento e piccole vasche, facendo pensare a un piccolo impianto termale.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te