Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PIEVE DI SANTA MARIA VECCHIA (CHIESA DEI MORTI)

PIEVE DI SANTA MARIA VECCHIA (CHIESA DEI MORTI)

GUSSAGO, BRESCIA

1,472°

POSTO

113

VOTI 2020
Condividi
PIEVE DI SANTA MARIA VECCHIA (CHIESA DEI MORTI)
Pieve di Gussago (detta anche Chiesa dei Morti dagli abitanti del luogo, poichè vi furono sepolti i morti della peste manzoniana). Situata in località Piè del Dosso, via S. Maria Vecchia, Gussago. In essa si trovano le tre lastre dette del Maviorano di epoca longobarda, conosciute e studiate prima in Germania che in Italia, ecco una descrizione dello storico dell'arte Pier Virgilio Begni Redona: Vi ribadisce che detto ambone è l'adattamento del sarcofago di un personaggio longobardo, raffigurato nel cavaliere che sta entrando nell'eternità. Dal fatto che vien rivestito dall'armatura di cavaliere, si desume che fu persona molto influente e ricca. Il ricorrere di tante rosette stellari, non è un riempitivo qualsiasi, ma il segno della presenza del sole nella spiritualità della cultura longobarda, e così pure della vipera che vi era venerata prima di accettare il Cristianesimo. Cultura non fatta rinnegare dal cristianesimo, ma... redenta... E' questo il filo che unisce e dà un senso logico ai vari simboli. Per la simbologia della lastra frontale: L'aquila è segno del pensiero e della sapienza... Il pesce è il simbolo usato sempre dai cristiani ad indicare Cristo. L'aquila che tiene il pesce negli artigli, è il segno della dimensione nuova, dentro la quale si muove il popolo longobardo, che ha lasciato la propria religione e cultura, per entrare nella religione nuova, la cristiana. Il cavaliere prende possesso di questa nuova realtà, come vien significato dallo zoccolo della zampa del cavallo, che si appoggia sull'aquila che tiene il pesce... Il pavone è segno dell'immortalità... L'agnello che porta la croce, è simbolo di Cristo Redentore. Il leone che tiene la coda rivoltata sotto le gambe è segno di profonda umiltà. La specie di lesena che divide la lastra Frontale come in due, e che nasce da una rosetta solare è simbolo dell'albero della vita a cui tutti si volgono... L'aquila che porta il serpente (già adorato dai longobardi) attorciliato negli artigli, è figura della Redenzione anche del serpente, che riscattato, si dirige anch'esso all'albero della vita. Nella lastra laterale dell'ambone, dice, vi è un inno al tema del sole e della Redenzione, come fusi in questa cultura. Fra le tante rosette stellari, quella grandissima che ne contiene altre piccole, simboleggia il fluire di questa vita... Dentro il grande cerchio, c'è il leone, simbolo della forza, ma che è stato pacificato, come si desume dall'atteggiamento della coda tenuta fra le gambe: leone fatto umile e che si nutre dell'albero della vita, verso il quale tutti tendono. Così pure i pavoni che hanno l'uva nel becco, proprio per indicare questa pienezza di vita e di Redenzione.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

16,048° Posto

5 Voti
Censimento 2016

26,944° Posto

1 Voti
Censimento 2014

10,956° Posto

1 Voti
Censimento 2012

5,264° Posto

3 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

2,914°
53 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN LORENZO

GUSSAGO, BRESCIA

7,350°
20 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO CIOJA PATER NOSTRO

GUSSAGO, BRESCIA

37°
5,566 voti

Monastero

SANTISSIMA

GUSSAGO, BRESCIA

4,806°
31 voti

Palazzo storico, dimora storica

VILLA TOGNI GIÀ AVEROLDI

PIAZZA, BRESCIA

Scopri altri luoghi simili

57,794 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

54,711 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

35,049 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

24,996 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PIEVE DI SANTA MARIA VECCHIA (CHIESA DEI MORTI)

GUSSAGO, BRESCIA

Condividi
PIEVE DI SANTA MARIA VECCHIA (CHIESA DEI MORTI)
Pieve di Gussago (detta anche Chiesa dei Morti dagli abitanti del luogo, poichè vi furono sepolti i morti della peste manzoniana). Situata in località Piè del Dosso, via S. Maria Vecchia, Gussago. In essa si trovano le tre lastre dette del Maviorano di epoca longobarda, conosciute e studiate prima in Germania che in Italia, ecco una descrizione dello storico dell'arte Pier Virgilio Begni Redona: Vi ribadisce che detto ambone è l'adattamento del sarcofago di un personaggio longobardo, raffigurato nel cavaliere che sta entrando nell'eternità. Dal fatto che vien rivestito dall'armatura di cavaliere, si desume che fu persona molto influente e ricca. Il ricorrere di tante rosette stellari, non è un riempitivo qualsiasi, ma il segno della presenza del sole nella spiritualità della cultura longobarda, e così pure della vipera che vi era venerata prima di accettare il Cristianesimo. Cultura non fatta rinnegare dal cristianesimo, ma... redenta... E' questo il filo che unisce e dà un senso logico ai vari simboli. Per la simbologia della lastra frontale: L'aquila è segno del pensiero e della sapienza... Il pesce è il simbolo usato sempre dai cristiani ad indicare Cristo. L'aquila che tiene il pesce negli artigli, è il segno della dimensione nuova, dentro la quale si muove il popolo longobardo, che ha lasciato la propria religione e cultura, per entrare nella religione nuova, la cristiana. Il cavaliere prende possesso di questa nuova realtà, come vien significato dallo zoccolo della zampa del cavallo, che si appoggia sull'aquila che tiene il pesce... Il pavone è segno dell'immortalità... L'agnello che porta la croce, è simbolo di Cristo Redentore. Il leone che tiene la coda rivoltata sotto le gambe è segno di profonda umiltà. La specie di lesena che divide la lastra Frontale come in due, e che nasce da una rosetta solare è simbolo dell'albero della vita a cui tutti si volgono... L'aquila che porta il serpente (già adorato dai longobardi) attorciliato negli artigli, è figura della Redenzione anche del serpente, che riscattato, si dirige anch'esso all'albero della vita. Nella lastra laterale dell'ambone, dice, vi è un inno al tema del sole e della Redenzione, come fusi in questa cultura. Fra le tante rosette stellari, quella grandissima che ne contiene altre piccole, simboleggia il fluire di questa vita... Dentro il grande cerchio, c'è il leone, simbolo della forza, ma che è stato pacificato, come si desume dall'atteggiamento della coda tenuta fra le gambe: leone fatto umile e che si nutre dell'albero della vita, verso il quale tutti tendono. Così pure i pavoni che hanno l'uva nel becco, proprio per indicare questa pienezza di vita e di Redenzione.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te