ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
I GIARDINI DELLE ACCADEMIE

I GIARDINI DELLE ACCADEMIE

ROMA

840°

POSTO

27

VOTI 2020
I GIARDINI DELLE ACCADEMIE
I giardini delle Accademie sono un'area in cui è compreso il cosiddetto Asse Thorvaldsen tra piazza Wiston Churchill e piazza Josè de San Martin, in via delle Belle Arti e presenta oggi segni di forte degrado, in particolare per quanto riguarda le due esedre contrapposte, quella antistante l’Accademia Britannica e quella che sta a fianco dell’Accademia di Romania. Dal 1908 al 1911 l’architetto Bazzani, dando seguito al piano regolatore del 1909 voluto dalla Giunta del sindaco Nathan, progettò e realizzò la sistemazione dell’area destinata all’Esposizione Universale del 1911, per celebrare il cinquantesimo anniversario dell’unità d’Italia. Furono realizzate la Galleria Nazionale di Arte Moderna e l’apertura del grande viale che collegava, tramite l’appena realizzato Ponte Risorgimento, i padiglioni stranieri di Valle Giulia con l’Esposizione Etnografica nazionale ospitata nella piazza d’Armi, oggi piazza Mazzini. Solo più tardi, nel 1915 per la scalinata di fronte l’Accademia Britannica e nel 1939 per quella a fianco dell’Accademia di Romania, vennero sistemate le due scalinate, oggi in stato di grave degrado. In questo contesto è opportuno mantenere la vocazione di luogo privilegiato di incontro tra le diverse culture che quest’area ha avuto fin dalla costruzione dei padiglioni internazionali, in occasione dell’Esposizione Universale del 1911. Una vocazione che si sposa con la caratteristica cosmopolita di Roma, da sempre crocevia di genti, culture, arti. Fin dall’inizio l'area è stata immaginata come un contesto unico, dove paesaggio, architettura e cultura si incontrano grazie alla presenza di nove istituti di cultura di paesi europei ed extraeuropei, della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea e della scalea Bruno Zevi, della Facoltà di Architettura, del Museo Etrusco di Villa Giulia e non ultimo di uno dei più frequentati ingressi di Villa Borghese. Non a caso, la Facoltà di Architettura ha predisposto uno studio finalizzato alla riqualificazione e alla rifunzionalizzazione della zona di Valle Giulia, pubblicato nel volume "Valle Giulia 1911-2011, la valle delle accademie tra storia e progetto", a cura di Stefano Garano ed edito da Palombi nel 2006.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

840° Posto

27 Voti

Scopri altri luoghi vicini

861°
6 voti

Giardino, parco urbano

GIARDINO DI VILLA PONIATOWSKY

ROMA

837°
30 voti

Museo

MUSEO NAZIONALE ETRUSCO DI VILLA GIULIA

ROMA

854°
13 voti

Edificio militare

PALAZZO MARINA

ROMA

856°
11 voti

Museo

MUSEO ZOOLOGICO

ROMA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

I GIARDINI DELLE ACCADEMIE

ROMA

I GIARDINI DELLE ACCADEMIE
I giardini delle Accademie sono un'area in cui è compreso il cosiddetto Asse Thorvaldsen tra piazza Wiston Churchill e piazza Josè de San Martin, in via delle Belle Arti e presenta oggi segni di forte degrado, in particolare per quanto riguarda le due esedre contrapposte, quella antistante l’Accademia Britannica e quella che sta a fianco dell’Accademia di Romania. Dal 1908 al 1911 l’architetto Bazzani, dando seguito al piano regolatore del 1909 voluto dalla Giunta del sindaco Nathan, progettò e realizzò la sistemazione dell’area destinata all’Esposizione Universale del 1911, per celebrare il cinquantesimo anniversario dell’unità d’Italia. Furono realizzate la Galleria Nazionale di Arte Moderna e l’apertura del grande viale che collegava, tramite l’appena realizzato Ponte Risorgimento, i padiglioni stranieri di Valle Giulia con l’Esposizione Etnografica nazionale ospitata nella piazza d’Armi, oggi piazza Mazzini. Solo più tardi, nel 1915 per la scalinata di fronte l’Accademia Britannica e nel 1939 per quella a fianco dell’Accademia di Romania, vennero sistemate le due scalinate, oggi in stato di grave degrado. In questo contesto è opportuno mantenere la vocazione di luogo privilegiato di incontro tra le diverse culture che quest’area ha avuto fin dalla costruzione dei padiglioni internazionali, in occasione dell’Esposizione Universale del 1911. Una vocazione che si sposa con la caratteristica cosmopolita di Roma, da sempre crocevia di genti, culture, arti. Fin dall’inizio l'area è stata immaginata come un contesto unico, dove paesaggio, architettura e cultura si incontrano grazie alla presenza di nove istituti di cultura di paesi europei ed extraeuropei, della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea e della scalea Bruno Zevi, della Facoltà di Architettura, del Museo Etrusco di Villa Giulia e non ultimo di uno dei più frequentati ingressi di Villa Borghese. Non a caso, la Facoltà di Architettura ha predisposto uno studio finalizzato alla riqualificazione e alla rifunzionalizzazione della zona di Valle Giulia, pubblicato nel volume "Valle Giulia 1911-2011, la valle delle accademie tra storia e progetto", a cura di Stefano Garano ed edito da Palombi nel 2006.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te